martedì 21 novembre 2017
Home / Altro / Ginnastica Aerobica Sportiva: Anxa Gym in rampa di lancio

Ginnastica Aerobica Sportiva: Anxa Gym in rampa di lancio

- 31 dicembre 2013

La ginnastica aerobica sportiva è uno sport che nasce in America negli anni ‘80 nel mondo del fitness, e gradualmente si trasforma in una disciplina agonistica. Da oltre 10 anni è stata inserita tra le discipline della Fgi, Federazione Ginnastica d’Italia. Attualmente le gare di aerobica si svolgono secondo il calendario federale nazionale in Italia. A livello internazionale si disputano Europei, Open, Mondiali e World Games. Stella della disciplina, da atleta e oggi anche da allenatrice, è la giovane Giulia Ceroli, ginnasta di Lanciano, dove attualmente è titolare della società sportiva Anxa Gym. 10 anni di ginnastica ritmica, poi nel ’98 il primo impatto con la ginnastica aerobica. Nel 2001 Giulia inizia a insegnare la disciplina. Nel 2005 la svolta, con la società sportiva ccf Balduina di Roma: due anni e un titolo italiano conquistato nella categoria Gruppo. La Ceroli stringe contatti con la Fiaf e inizia a partecipare alle grandi competizioni internazionali. L’anno d’oro è il 2006: ottavo posto con l\’individuale al Mondiale di Tokyo e quarto posto con il Gruppo al Mondiale di Los Angeles. Da quest\’anno la ginnasta è stata nominata referente regionale di giuria di Aerobica sportiva in Abruzzo, e fa parte della nazionale senior di Aerostep della Federazione Ginnastica Italiana: a novembre ha partecipato all\’Europeo in Francia. «Siamo una società che gareggia in serie A dal 2012, – spiega Giulia Ceroli a SPORTAGabbiamo vinto 4 volte il titolo italiano nell\’individuale femminile junior con Sofia Chiavarini, l\’atleta fulcro della squadra, oltre ai tantissimi titoli delle giovanissime allieve. Nel 2013, poi, abbiamo vinto due medaglie di bronzo ai Mondiali di Tokyo». Una definizione più tecnica di ginnastica aerobica sportiva?«Esattamente è l’esecuzione di una coreografia chiamata “routine”, che consiste in combinazioni aerobiche complesse eseguite in perfetta sincronia con la musica, della durata di 1 minuto e mezzo, alla velocità di 150/160 bpm. Durante la routine l’atleta deve eseguire 10 elementi tecnici che sono un mix di forza dinamica, forza statica, salti, equilibrio e scioltezza». Quali sono le doti fisiche e caratteriali necessarie per eccellere in questo sport?«Elasticità dei tessuti per poter avere maggior margine di estendibilità muscolare, forza esplosiva e rapidità di esecuzione, resistenza fisica. Ma anche e soprattutto forza di volontà, determinazione, umiltà e spirito di sacrificio». Ginnastica aerobica sportiva nel mondo: che differenze ci sono fra le diverse nazioni?«La Russia e la Romania fanno un lavoro basato sulla pulizia esecutiva, rifacendosi moltissimo alla ginnastica ritmica la Francia e la Spagna invece sono molto esplosive e piene di vitalità, idee coreografiche nuove e ricche di energia, capaci di giungere al pubblico in modo coinvolgente. L’Italia è un po’ a metà tra i due mondi perché ha diverse tipologie di allenatori, mentre i paesi asiatici sono cosa a sé, differenti cioè per conformazione fisica naturale: leggeri e veloci come nessun altro». Cosa diresti a una giovane atleta per convincerla a provare?«Quando una mamma porta in palestra una bambina io tento subito di farla divertire e di agevolare una certa socializzazione, sempre con spensieratezza, perché è il modo più naturale per innamorarsi di questo sport. Solo da qui può iniziare un percorso nell’agonistica. Basti pensare che la maggior parte delle bambine viene portata in palestra dai genitori senza che né mamma né figlia sappiano bene di che disciplina si tratti». Prossimi appuntamenti dell’Anxa Gym?«Il calendario agonistico è terminato, ci godiamo una piccola pausa, ma a breve riprenderemo la preparazione in vista dei Campionati regionali di marzo. In ogni caso, chi volesse conoscere più da vicino la ginnastica aerobica sportiva può contattarmi al numero 328/1617628, o attraverso Facebook». Un auspicio per il futuro?«Spero che questo sport diventi presto disciplina olimpica. E credo che ci siano buone possibilità in tal senso».