mercoledì 24 maggio 2017
Home / Basket / Basket, momento storico per Roseto: nasce la Pgr

Basket, momento storico per Roseto: nasce la Pgr

- 31 agosto 2016

Nella giornata di martedì 30 agosto, si è tenuta una conferenza stampa al’Hotel Liberty in merito al settore giovanile biancazzurro. La principale novità di questa stagione è la decisione di unire tutte le società, maschili e femminili, cestistiche rosetane per crearne una sola, che prende il nome di “PGR Roseto”.  Si tratta di un momento storico per la pallacanestro rosetana, che si propone di unire le forze in unico progetto che possa dare grandi benefici all’intero movimento cestistico di questa città.

Quando, nel lontano 2009, siamo ripartiti con la prima squadra in C2, il nostro principale obiettivo erano i ragazzi” ha sottolineato in apertura il presidente Cimorosie finalmente siamo tutti qui riuniti a questo proposito, mettendo da parte i nostri interessi. Ci siamo riusciti soprattutto grazie all’apporto di Vittorio Fossataro, che ha consigliato come responsabile Gaetano Fasciocco, il quale ringraziamo per il duro lavoro di consultazione già fatto.

Quest’ultimo ha poi preso la parola:”Se siamo qui non è solo per merito mio ma di tutti coloro che sono qui. Le società che collaborano in questo “anno zero” sono ben sette, tra cui la Roseto Sharks Accademy, ancora in costruzione: si tratta di una formazione satellite della prima squadra, e noi vogliamo che diventi il suo tesoretto lavorando per la propria strada. Arrivare a questo punto è stato merito di tutti, di una lunga amicizia più che di una semplice collaborazione, e penso che sia già un ottimo risultato considerando che Roseto è una città di meno di 25.000 abitanti. Siamo partiti all’inizio di agosto a lavorare, con l’obiettivo di creare squadre più competitive e ambiziose al livello di crescita dei ragazzi, unendoli con quelli delle altre società. Il nostro fine ultimo è creare un buon numero di giocatori che possono allenarsi con la prima squadra, in modo tale che non si debbano cercare tutti gli atleti fuori da Roseto, oppure che possano accasarsi nelle società limitrofe.

Il primo presidente a parlare è stato Saverio Di Blasio della scuola minibasket:”Sono molto contento che siamo riusciti ad unire le forze per formare una sola famiglia in una città che vive di basket. Il nostro obiettivo è quello di avvicinare più bambini e bambine a questo bellissimo sport, che li aiuterà non solo nell’attività in sè ma anche nella vita di tutti i giorni, in modo tale che ci sia una quantità maggiore di atleti rosetani in prima squadra, come è già successo negli anni passati. Sono soddisfatto che ci sia l’intenzione di tutti nel portare avanti questo progetto, insieme ad altri che presenteremo in futuro, e per questo ringrazio tutti coloro che ci hanno creduto.

Successivamente ha parlato Sergio Maggetti della Virtus Roseto:”Sono felicissimo di essere stato chiamato da Gaetano per conto degli Sharks. Se, mettendo da parte il campanilismo, riuscissimo a portare bene avanti il nostro programma, penso che ne gioverebbe tutto il basket rosetano e non. Sono convinto che ci sono delle solide basi per lavorare, e quindi sono molto ottimista per il futuro.

A questo punto ha parlato Giampaolo Pigliacampo della BFA, unica società femminile del Lido Delle Rose:”Sono sicuro che questa è la strada giusta e che ci siano le sinergie per raggiungere risultati importanti. Quest’anno siamo partiti un po’ tardi, tuttavia l’estate prossima potremo davvero lanciare grandi progetti che potranno darci tante soddisfazioni.” La parola è poi passata a Romano Chiappini della Blue Basket:”Sono contento di poter ancora collaborare per la crescita dei giovani di questa città. Purtroppo ci siamo dovuti allontanare per una questione di impianti, ma torno a Roseto con tranquillità e felicità di contribuire a questo progetto. Vi ringrazio e vi faccio un grande in bocca al lupo.

E’ intervenuto, spiegando i vari appuntamenti dell’anno, anche il presidente regionale della FIP Di Girolamo:”Sono oltremodo soddisfatto di essere stato contattato, nonostante sia l’unico non rosetano e questo mi fa sentire un po’ a disagio (ride). Tuttavia, ho diversi amici qui e mi sento rosetano di adozione in quanto trascorro più tempo qui che a Pescara per motivi cestistici. L’iniziativa, nata quasi per scherzo, è un’idea molto positiva, e questa unione deve fare da traino per far sì che i ragazzi possano trovarsi a loro agio in una struttura locale senza doversi spostare in altri posti, consapevoli che si può giocare a pallacanestro anche rimanendo a Roseto. Sono fortemente favorevole a questo progetto e da presidente regionale vi sosterrò sempre, augurandovi tanta fortuna.

Il microfono è poi tornato al responsabile, che ha illustrato la divisione dei vari gruppi:”Ogni categoria avrà due allenatori e un dirigente accompagnatore fissi. I ragazzi dell’under 20 saranno allenati da Luigino De Bernardi e Antimo Di Biase e come dirigente ci sarà Franco Biraghi; l’under 18 avrà gli stessi coach e come dirigente accompagnatore Gabriele De Marcellis; l’under 16 sarà allenata da Danilo Quaglia eAntonio Evangelista, che fungerà anche da preparatore atletico per i ragazzi dell’under 15, 14 e 13 diVirtus e Fides, mentre il dirigente accompagnatore sarà Luciano Malatesta; il quarto e ultimo campionato degli Sharks sarà l’under 13 con i ragazzi nati nel 2004 e 2005, allenata da Emidio Testoni e Attilio Verrigni, mentre il dirigente accompagnatore sarà molto probabilmente Felice Di Marco: abbiamo deciso, di comune accordo con la Fides, di svolgere questo campionato separatamente, in modo che ognuno può far crescere i suoi ragazzi. I preparatori atletici saranno Paolo Rinaldesi per gli Sharks e Antonio Evangelista per Fides e Virtus.” Si è soffermato sui campionati di queste due società Saverio Di Blasio:”La Virtus farà i campionati under 15, allenati da Gianluca Di Gianvittorio e Piero Tulli, e 14, seguiti da me e ancora Gianluca Di Gianvittorio, mentre la Fides farà l’under 13, con i coach Salvatore Gullotto eFederico Tavani. I dirigenti accompagnatori saranno rispettivamente Luciano Donnini (under 15), Simone Rufin (under 14) e un altro ancora da definire. Ovviamente collaboriamo anche con la società femminile.” “Per quest’anno non siamo riusciti a collaborare col basket femminile” ha sottolineato Gaetano Fasciocco”inoltre volevamo creare una squadra femminile degli Sharks ma purtroppo non è possibile a livello federale. L’ambizione è quella di far diventare Roseto il punto di riferimento per tutto il centro-sud: è sicuramente qualcosa di molto grande, ma girando l’Italia insieme a mio figlio per le sue partite mi sono accorto che la nostra città non ha davvero nulla da invidiare alle altre società, dunque ci proveremo.” A questo punto, ha parlato anche il dirigente Vittorio Fossataro:”Non mi sembra vero di essere riuscito a indire questa riunione, sono davvero soddisfatto. Quest’anno avremo una lunga serie di eventi da ospitare, tra cui una tappa del torneo 3 vs 3, alcune finali nazionali e soprattutto il Trofeo delle Regioni, dunque ci sarà molto da lavorare.” Proprio riguardo a quest’ultima manifestazione, è tornato a parlare il presidenteDi Girolamo:”Dopo tanti anni, è stato finalmente assegnato all’Abruzzo. Ho avuto questo piacere dal presidente Petrucci, e quindi ho deciso che dovesse partire tutto proprio da Roseto, nonostante servano molti più campi di gara. Ci saranno circa 1000 atleti partecipanti, insieme alle loro famiglie, dunque è un grandissimo evento che richiede un alto livello di organizzazione; si giocherà nella settimana di Pasqua del prossimo aprile.” Per concludere, ha parlato Vincenzo Fidanza, consigliere e primo socio di “I love Roseto Sharks”:”Quando siamo ripartiti nel 2009 avevamo quasi trovato l’accordo per unire il settore giovanile ma per un piccolo disguido saltò tutto. Allora mi sono allontanato, ma successivamente mi ha nuovamente contattato il presidente Cimorosi per unire le forze, ed ero disponibile in quanto mi sembrava impossibile che in una città come Roseto non ci fosse qualcosa del genere; finalmente ci siamo riusciti.” Le ultime parole sono affidate al presidente Cimorosi:”Oggi è la partenza: ci saranno dei problemi, e riusciremo a superarli soltanto se resteremo uniti, parlandoci, confrontandoci e discutendo di tutto ciò che succederà. Detto questo, faccio un grande in bocca al lupo a tutti.”