domenica 24 settembre 2017
Home / Basket / Proger Chieti, Armwood prova a dare la scossa: “Torniamo a vincere”

Proger Chieti, Armwood prova a dare la scossa: “Torniamo a vincere”

- 12 dicembre 2015

Armwood Recanati rimbalzo 1140In casa Proger Chieti Armwood, in queste sfortunate settimane dimostratosi come l’uomo dal rendimento più costantemente in crescita, vuole assolutamente chiudere il filotto negativo di sconfitte: “Sono diverse partite che perdiamo di fila ma penso che stando uniti riusciremo a tornare alla vittoria. Vincere fa bene al morale. Io personalmente devo cercare di dare sempre di più, partita dopo partita per aiutare la squadra a crescere e per crescere io stesso. C’è grande sintonia, mi trovo davvero bene con i miei compagni, anche fuori dal campo. L’allenatore è molto competente e riesce a dirci la frase giusta al momento opportuno. Legnano è una grande squadra, starà a noi cercare di fare del nostro meglio per portare a casa la vittoria”. A conferma di quanto detto da Zeek e a dispetto dei tanti infortuni che hanno falcidiato la squadra, si è sempre lavorato con impegno e dedizione, il clima è sempre stato connotato da grande sintonia e disponibilità tra i giocatori e il settore tecnico, ed è dunque auspicabile che tutto questo si traduca in vittorie, magari, tra lo scetticismo generale, a partire proprio da Legnano. Paradossalmente proprio l’impresa, compiuta a Treviso dai Cavalieri, potrebbe offrire a Chieti un qualche vantaggio come sottolinea il play Nik Raivio: “ Difficile smettere di pensare a una vittoria, contro la capolista, ottenuta di fronte a 5000 tifosi in uno dei palazzetti storici d’Italia. Dobbiamo tornare con i piedi per terra e ripartire concentrati in vista del match con la Proger. Non sarà facile ma dovremo riuscirci ad ogni costo, sapendo quanto sia importante per noi vincere, sia per il nostro obiettivo stagionale sia perché saremo di fronte ai nostri tifosi. La voglia di non fermarsi è tanta, sta a noi e al lavoro quotidiano che svolgiamo confermare tutto ciò di buono che stiamo facendo”.