venerdì 21 luglio 2017
Home / Basket / Proger Chieti, presa l’ala americana Cade Devis

Proger Chieti, presa l’ala americana Cade Devis

- 26 luglio 2016

Cade Davis 1140Adesso è ufficiale, Guido Brandimarte incassa la firma dellala americana Cade Davis, chiudendo così il roster delle Furie per la prossima stagione.

Davis è un giocatore di grande esperienza – ha dichiarato il DS biancorosso – che ha già giocato in leghe europee di primo livello come il campionato greco di A1 e la Lega Adriatica, competizione che raccoglie le migliori squadre dellex Yugoslavia. È un atleta completo sia offensivamente che difensivamente e che riesce a coprire più ruoli. Molto bravo nelluscita dai blocchi, con le suo ottime capacità balistiche, sa giocare il pick&roll ed attaccare il ferro in palleggio. È unala piccola naturale che però alloccorrenza può essere utilizzato anche da 2 o da 4 tattico. A mio avviso, è il giocatore con le caratteristiche ideali per completare il nostro quintetto. La squadra è fatta e non resta a questo punto che attendere il lavoro di preparazione e il riscontro sul campo. Personalmente sono molto fiducioso. Anche coach Galli si è detto soddisfatto dellarrivo di Davis in casa Furie: Giocatore adattissimo alla nostra dimensione e alle nostre caratteristiche di squadra. Cade Davis voleva fortemente il campionato italiano e quindi arriverà con buone motivazioni e con lambizione di far bene. Dal punto di vista tecnico è un giocatore di alto livello, forte fisicamente e poliedrico perché può giocare in tre ruoli. È quello che si definisce un giocatore di sistema ma che alloccorrenza sa anche trovare i punti da sue iniziative personali. Ha esperienza e buona personalità, ho avuto modo di parlare con il suo ultimo allenatore che mi ha fattoi un quadro generale molto positivo del ragazzo. Ci sarà certamente utile in un campionato che si annuncia terribilmente competitivo. Il calendario per giunta ci mette di fronte ad un inizio molto difficile. Non per questo, però, siamo spaventati, anche nella scorsa stagione qualcuno suonava campane a morto sui nostri destini e ci siamo poi salvati con largo anticipo. Ci sarà da lottare ancora più duramente ma non ci tireremo certo indietro, siamo abituati a soffrire e non è detto che a nostra volta non si debba far soffrire anche qualche squadra blasonatissima.