martedì 12 dicembre 2017
Home / Calcio a 5 / Acqua&Sapone: “Ecco come abbiamo vinto il derby”

Acqua&Sapone: “Ecco come abbiamo vinto il derby”

- 23 novembre 2014

Nota della società nerazzurra sulla strategia di gioco che ha consentito di battere il Pescara

 

 

Stefano Mammarella premiato dalla Cantina Talamonti

Stefano Mammarella premiato dalla Cantina Talamonti

Il primo derby d’Abruzzo del campionato di futsal maschile se l’è aggiudicato l’Acqua&Sapone. A fine gara umori e pareri sono stati ancora una volta contrastanti. Il Pescara ha sottolineato come Mammarella sia stato il migliore in campo, e come Caputo sia stato oggetto di un “trattamento discriminatorio”. Ecco invece la versione nerazzurra del day after.

“La squadra, pur priva di Caetano (tra un mese e mezzo possibile rientro in campo del laterale), ha uomini polivalenti e dediti alla causa. Capaci, oltre che di aggredire quando necessario, anche di studiare gli avversari e adattarsi in modo camaleontico per mimetizzarsi tra le maglie dei rivali e sbucare fuori all’improvviso, per tendere agguati mortiferi. E’ stata anche questa la storia del derby. Stare bassi, far avanzare le armate contrarie, poi scappare alla ricerca della profondità (sfruttando il rinvio di Mammarella con le mani e ripartenze con pochi tocchi di palla) e dello scambio nello stretto. O direttamente della conclusione in porta, anche da lontano (vedi il primo gol, firmato dall’argentino Cuzzolino). L’assenza di Borruto è stata assorbita bene: senza il Cobra, la manovra nerazzurra ha avuto i giusti equilibri. La differenza, però, la fanno gli uomini, prima ancora che gli schemi. Per questo, la crescita e il successo pesante nel derby non ci sarebbero state senza la stratosferica condizione di elementi come Calderolli (tutti in piedi ad applaudire i suoi numeri), capitan Murilo Ferreira, Coco Schmitt e Cavinato. Ma è anche la vittoria di uno staff solido e coeso (Aiello, Galici, Di Eugenio, Troilo, Cantera, Ulisse, Iannacone, Colantoni), capace di superare le difficoltà d’inizio stagione e compattarsi attorno ad un ideale, ad una maglia, una causa comune. Ora bisogna cambiare marcia lontano dal Palaroma: domenica prossima, a Rieti, su un campo maledetto, c’è una grande occasione”.

PREMIO Prima del fischio d’inizio, Rodrigo Redmont, titolare dell’azienda Talamonti, partner dell’Acqua&Sapone Emmegross, ha premiato Stefano Mammarella con una magnum da nove litri di Montepulciano Kudos. Mammarella era stato eletto migliore in campo della gara di Supercoppa italiana direttamente dai tifosi, in un sondaggio promosso sulla pagina facebook ufficiale del club.