sabato 25 novembre 2017
Home / Calcio a 5 / Maschile / Rocca di Mezzo, un paese in festa

Rocca di Mezzo, un paese in festa

- 23 ottobre 2013

Rocca di Mezzo è un comune di montagna in provincia dell’Aquila, posto in una posizione quasi centrale nell’altopiano delle Rocche, all’interno della catena del Velino-Sirente a 1300 metri d’altezza. Con i vicini campi di sci di Campo Felice e Ovindoli, pensi subito allo sport sulla neve come mezzo promozionale. E invece il protagonista è il calcio a 5. Eh sì, non ci sbagliamo. Questo borgo pittoresco, così lontano dai grandi centri, ha messo in piedi una squadra da poco più di tre anni. Quest’anno sta partecipando al campionato di serie C2 girone A ed ha, come avversari, squadre come Cus Chieti, Raiano e Montesilvano, piazze che hanno conosciuto palcoscenici nazionali più prestigiosi. Si rinnova la biblica immagine di Davide che sfida Golia. L’entusiasmo di questo borgo, che conta 1500 abitanti, si è manifestato già il 26 maggio 2013, in occasione della finale di Coppa Abruzzo, quando tutto il paese ha seguito la squadra sino a Montesilvano con due pullman. Il Palaroma era tutto loro, con striscioni che inneggiavano alla squadra e bandiere che sventolavano nelle mani dei tifosi. E quando alla fine, dopo un’accanita e spettacolare finale, Rocca di Mezzo ha battuto la Phoenix di Ortona per 4-3, c’è stata l’invasione in campo dei tifosi ebbri di gioia e felici di aver trionfato alla “Scala del calcio a 5”. Ecco come questo sport diventa fenomeno di massa, aggregazione, punto d’incontro e manifestazione genuina di una comunità. Ho ancora negli occhi la soddisfazione e la contentezza del capitano, mentre il delegato regionale Sandro Di Berardino consegna la Coppa. Festa di popolo che ha emozionato il pubblico presente molto numeroso coinvolgendolo in un applauso sincero e caloroso. Squadra composta da giovanotti di belle speranze che, in campo, hanno profuso energie, passione vera e voglia di vincere per portare al paese un ambito trofeo. Calcio a 5 genuino, tutti italiani, uniti da un obiettivo comune. E’ iniziato il “nuovo” campionato ed il Rocca di Mezzo è partito bene: due vittorie, ma quello che conta maggiormente e diventa significativo è l’iscrizione della squadra Giovanissimi al torneo regionale. Come a dire: continuità e fondamento alla prima squadra e possibilità ai giovani di praticare lo sport lontano dai pericoli che oggi la società annovera. Che questa piccola realtà diventi grande come lo è la “festa del narciso” che si svolge da molto tempo, verso la fine di maggio, con una sfilata di carri allegorici per celebrare questo fiore e la bella stagione che è in arrivo. Il narciso significa anche fortuna e prosperità. Quelle che noi auguriamo a questa piccola, simpatica e sorprendente realtà del calcio a 5 abruzzese.