domenica 24 settembre 2017
Home / Calcio a 5 / Futsalmercato: il Pescara c5 si regala Betao

Futsalmercato: il Pescara c5 si regala Betao

- 14 dicembre 2015

Betao-1Il Pescara è lieto di dare il benvenuto ad uno dei calcettisti di maggior qualità del

panorama mondiale. Adalberto Nunes Da Silva, in arte “Betao”, pivot proveniente dal Bra-

sil Kirin, entra a far parte della famiglia biancazzurra.

Quasi impossibile menzionare tutti i numerosi successi colti in carriera da Betao,

nato a San Paolo il 2 settembre del 1978 e capace di vestire per più di cinquanta volte la

casacca carioca della nazionale brasiliana, con la quale si è laureato campione mondiale

nel 2008. Tra Brasile e Spagna, dove ha militato dal 2004 al 2008 nelle fila del Santiago e

successivamente nell’Inter Movistar fino alla stagione 2013, ha colto per 12 volte il suc-

cesso nelle varie competizioni di club. A queste si aggiungono con la maglia del Brasile,

come detto, una vittoria nella Coppa del Mondo, una Coppa America, un campionato Su-

damericano, un Torneo Panamericano e due Gran Prix Futsal. Ultima vittoria, conseguita

dal pivot paulistano, l’8 dicembre di quest’anno, è stata quella nella Coppa Libertadores

tra le fila del Brasil Kirin, realizzando anche una delle cinque reti grazie alle quali, la squa-

dra di Falcao è riuscita a battere in finale il Boca Junior.

Danilo Iannascoli non nasconde la sua piena soddisfazione per il colpo messo a

segno: “L’acquisto di Betao è una strenna natalizia con la quale vogliamo gratificare non

solo i nostri tifosi ma tutto il movimento del calcio a 5 italiano. Betao è, a mio avviso, nel

novero di tutti i giocatori di maggior classe che hanno militato in Italia e che calcano at-

tualmente i parquet del nostro campionato, il più titolato di sempre. Come tutti gli acquisti

anche questo è il frutto della piena condivisione tra la dirigenza e il settore tecnico ma

permettetemi di sottolineare che Betao è un acquisto da me fortemente voluto e che solo

grazie a mio figlio Matteo e ai rapporti e alle relazioni internazionali, che in questi anni ha

saputo costruire, siamo riusciti a concretizzare. Non so neanch’io come Matteo abbia fatto

ma lo ringrazio pubblicamente a nome mio e di tutti i tifosi del futsal che avranno così la

possibilità di ammirare dal vivo un campione come Betao”.