giovedì 23 novembre 2017
Home / Calcio a 5 / Impresa Acqua&sapone: cinquina a Ferrara, è semifinale scudetto

Impresa Acqua&sapone: cinquina a Ferrara, è semifinale scudetto

- 5 maggio 2016

IMG_3333Con una partita di straordinaria cattiveria e sagacia tecnica e tattica, l’AcquaeSapone Emmegross si prende la semifinale scudetto – la quarta consecutiva della sua storia – battendo a domicilio il Kaos Futsal, finalista per il titolo esattamente un anno fa. E’ finita 2 a 5, con l’equilibrio che si rompe nella ripresa, quando il break della coppia Jonas-Murilo ribalta sul 2-3 la gara e sorprende gli emiliani.

Pressing alto e attacco della porta fin dai primi secondi di gioco. Con un Burrito imprendibile e da manuale del futsal. Fino al 6’ non si hanno tracce del Kaos nella metà campo di Mammarella. Due occasioni nerazzurre nei primi due minuti (Schininà salva sul tocco ravvicinato di Jonas, Burrito rasoterra da lontano, Putano para a fatica). Al 4’ il vantaggio: punizione dal limite, Murilo appoggia all’indietro, Jonas fa velo e l’andaluso scarica un destro chirurgico alle spalle di Putano. Che è attento su Jonas poco dopo, così come Pedotti, che evita il raddoppio di Sidney sulla linea di porta. I primi squilli dei padroni di casa sono di Kakà, di testa, e Mammarella, su Tuli, con il piede sinistro. I nerazzurri cercano il raddoppio, il Kaos resta basso per tentare l’uscita veloce e pizzicare Mammarella. Operazione riuscita al 9’, quando un bella triangolazione si chiude con il tocco di Tuli sul secondo palo per il pari. Passano otto secondi e il Kaos sorpassa: Schininà da posizione defilata tenta il tiro di punta e trova prima il palo, poi una gamba di Mammarella per uno sfortunatissimo autogol. La partita si fa più caotica e nervosa, le giocate meno lineari. Mammarella compie un’altra prodezza su Pedotti, Putano fa lo stesso su Mimi. Nerazzurri sempre in partita ed emiliani a gestire con le unghie e con il conto dei falli che sale vertiginosamente prima dell’intervallo. A 2’ dalla sirena, Kakà tocca con la mano ed è tiro libero. Fernandeza manda Timm tra i pali, Jonas la piazza e fa 2 a 2. Si va al riposo con una parità che promette scintille.

La ripresa si apre con uno spavento. Dopo 2’57’’ Mammarella è mostruoso in due tempi sul tocco morbido di Tuli. Ogni secondo che passa la tensione sale sul parquet, gli arbitri la gestiscono a fatica e alzano, con il fischio facile, l’asticella dell’agonismo. Difficile cercare le giocate con serenità, anche perché volano falli e cartellini (quattro, ammoniti e fischi a sfavore, nei primi 7’). Prima dell’8’, Jonas ruba palla nella sua metà campo e scappa, sulla sinistra, Murilo lo segue sul lato opposto, riceve e la piazza tra le gambe di Putano. Fernandez, gelato dal 2-3, gioca subito la carta Coco portiere di movimento. Inizia un’altra partita, di sofferenza estrema quando il pallone è degli avversari. Bisogna difendersi, evitare il quinto fallo e cercare di rubare un pallone quando la porta è vuota. Contro una squadra dalle risorse tecniche ampie come il Kaos non è impresa facile per nessuno. Questo rende ancora più merito alla squadra di Bellarte, che fa tutto alla perfezione e trova il colpaccio del 2 a 4 con capitan Murilo, che ruba palla nella sua metà campo, prende la mira e buca ancora il Kaos a 3’ dalla conclusione. Sotto shock i padroni di casa, incassano anche il pokerissimo di Burrito, ancora su palla rubata a metà campo e nella porta vuota.

KAOS FUTSAL – ACQUAeSAPONE EMMEGROSS 2-5 (pt 2-2)

KAOS FUTSAL: Putano, Peric, Tuli, Espindola, Coco W., Halimi, Timm, Pedotti, Kakà, Vinicius, Schininà, Duio. All. Fernandez.

ACQUAeSAPONE EMMEGROSS: Mammarella, Burrito, Bufalari, Rucco, Paulinho, Mimi, Sidney, Mambella, Murilo, Cesaroni, Jonas, Schiochet. All. Bellarte.

ARBITRI: De Falco di Catanzaro, Morabito di Vercelli, Davì di Bologna. Crono: Zanna di Ferrara.

RETI: nel pt 4’09’’ Burrito (A), 9’12’’ Tuli (K), 9’20’’ Schininà (K), 17’53’’ Jonas (A, t.l.); nel st 7’30’’ e 16’56’’ Murilo (A), 17’12’’ Burrito (A).

NOTE: ammoniti Tuli (K), Duio (K), Mimi (A), Burrito (A), Schininà (K), Coco W. (K).