sabato 22 luglio 2017
Home / Calcio a 5 / ItalFutsal, ultimo sforzo per andare al Mondiale

ItalFutsal, ultimo sforzo per andare al Mondiale

- 4 aprile 2016

Locandina 2Ancora Prato, per conquistare il pass per il Mondiale. La Nazionale italiana di calcio a cinque fa di nuovo tappa all’Estraforum nel ritorno degli spareggi di qualificazione a Colombia 2016: mercoledì 13 aprile (calcio d’inizio ore 20.30, ingresso gratuito) gli Azzurri guidati da Roberto Menichelli affronteranno l’Ungheria, già battuta a Miskolc (3-0) nella sfida d’andata.

Per presentare questo importantissimo e attesissimo appuntamento è in programma una conferenza stampa alla Sala Consiliare del Comune di Prato (Piazza del Comune, 2), martedì 12 aprile alle ore 12. Saranno presenti tra gli altri il sindaco della città toscana, Matteo Biffoni, il consigliere comunale con delega allo sport Luca Vannucci, il presidente della Divisione Calcio a cinque Fabrizio Tonelli, il presidente del Comitato Regionale Toscana della LND Fabio Bresci e una delegazione della Nazionale azzurra.

A Prato l’Italia del futsal ha giocato complessivamente otto partite, ottenendo altrettanti successi. L’ultima uscita all’Estraforum (circa 2mila posti a sedere) risale ad appena sei mesi fa, in occasione delle due vittoriose amichevoli giocate a ottobre contro il temibile Iran.

Negli spareggi è in vigore il meccanismo delle coppe europee di calcio: a parità di gol tra andata e ritorno, quelli in trasferta valgono doppio. In caso di ulteriore parità, tempi supplementari e poi rigori. Agli Azzurri potrebbe dunque bastare anche una sconfitta con due reti di scarto per qualificarsi per il Mondiale.

L’ottava edizione della FIFA Futsal World Cup si giocherà in Colombia – a Cali, Medellin e Bucaramanga – dal 10 settembre al 1 ottobre. Al Mondiale partecipano sette nazionali della UEFA, cinque della AFC (Confederazione calcistica asiatica), quattro della Concacaf (Confederazione calcistica del Nord, Centro America e Caraibi), quattro della Conmebol (Confederazione Sudamericana del Calcio) compresa la Colombia padrona di casa, tre della CAF (Confederaziona africana del calcio) e una della OFC (Federazione calcistica dell’Oceania).