giovedì 23 novembre 2017
Home / Calcio a 5 / Jonas, mentalità scudetto: “Ce la giochiamo fino alla fine”

Jonas, mentalità scudetto: “Ce la giochiamo fino alla fine”

- 25 aprile 2016

Venti gol nella regular season, più uno nei quarti di Coppa Italia. E non è ancora finita. La stagione d’oro di Jonas Pinto Junior prosegue con i play off scudetto. Nei giorni scorsi, il pichichi di Bellarte ha ricevuto il premio come Migliore del mese dallo sponsor Talamonti, ennesimo riconoscimento in una stagione fin qui da urlo per l’ex della Marca.

Ora le partite più esaltanti, quelle dove il genio decide le sorti di una squadra, stanno per cominciare. E lui, il fenomeno di Blumenau, 32 anni tra un mese esatto, si scalda. Venerdì prossimo il primo atto al Palaroma contro il Kaos Futsal: l’AcquaeSapone Emmegross parte sfavorita dalla posizione di classifica, ma questi sono dettagli che non fanno la differenza nella mentalità di un campione di livello mondiale come il numero 20 nerazzurro. “I miei gol? Sono contento, ma voglio condividere questo risultato con la squadra, con lo staff e con tutta la società. Da solo non avrei mai potuto fare così bene, non sarei arrivato a certi numeri. Ringrazio tutti. E’ stata una regular season buona per me, anche se volevamo il quarto posto e non siamo riusciti a prendercelo. Ora pensiamo ai play off: la squadra sta lavorando per arrivare bene, al massimo della forma”.

Se guarda la classifica finale di regular season, perde il sorriso. Jonas è abituato a competere per i vertici, non essere tra le teste di serie lo incupisce. “Sì, il quinto posto mi fa arrabbiare: abbiamo avuto il quarto posto in mano per tutto il campionato e all’ultima giornata ce lo siamo fatti scappare. Ma ripeto: adesso si pensa ai play off e al Kaos. La prima gara è importantissima: bisogna vincerla e mettere tutta la pressione sugli avversari per il ritorno”.

Il messaggio di Jonas vuole arrivare forte e chiaro nelle teste dei suoi compagni e di tutto l’ambiente nerazzurro: anche la quinta deve crederci e ambire al massimo. “Chi arriva quinto, pur non essendo tra le teste di serie, può e deve giocarsela fino alla fine per lo scudetto. Nessuno si dia per vinto! A me è successo con la Marca: siamo arrivati quinti e abbiamo vinto il titolo (nel 2013). E’ vero che quello, però, era un altro campionato, con una squadra diversa. Impossibile fare paragoni. In questa stagione le squadre si equivalgono quasi tutte, c’è grande equilibrio e sicuramente sarà difficile. Ma possiamo farcela, tutti insieme possiamo fare grandi cose”.

Il primo passo è vincere la sfida contro il Kaos nei quarti. Ancora una volta di fronte troverà Davide Putano, suo compagno ad Asti nella scorsa stagione e oggi tra i pali degli estensi: “A lui ho segnato un gol a Ferrara e due al Palaroma. Davide è un amico, ci conosciamo bene, mi piace tantissimo come portiere. Ma proverò a bucare di nuovo la sua porta…”.

Ci sono i play off da giocare, ma c’è anche il futuro: Jonas vuole vincere, e a quanto pare vuole farlo con la maglia nerazzurra addosso: “All’AcquaeSapone Emmegross ho vissuto finora una stagione molto buona. E anche se dobbiamo ancora parlare del futuro con la società, sto davvero bene qui…”.