domenica 25 giugno 2017
Home / Calcio a 5 / La nuova vita di Edgar Schurtz: “Che bello tornare a Pescara”

La nuova vita di Edgar Schurtz: “Che bello tornare a Pescara”

- 6 giugno 2016

L’ufficio stampa del Pescara c5 ha intervistato Edgar Schurtz. Ecco le parole del neo tecnico biancazzurro.

Edgar Schurtz torna a PescaraBrasile, dopo venti anni di onorata carriera, di cui quindici trascorsi in Italia, realizzando più di duecento reti, indossando per sei volte la maglia azzurra e mettendo in mostra ovunque abbia giocato tutto il suo straordinario talento, Edgar Alfredo Schurtz appende le scarpette al chiodo, iniziando a Pescara la sua seconda vita, quella dell’allenatore.  

Edgar ci eravamo visti a Pescara in occasione dei playoff e avevamo ricordato insieme i bei tempi trascorsi qui in riva all’Adriatico. Dalle tue parole non sembrava trasparire la volontà di un cambiamento così importante. Come sei giunto alla decisione di chiudere la tua carriera ?

Ti confesso che ci sono arrivato con un po’ di tristezza e qualche rammarico. Tutti sanno quanto mi piace giocare e fisicamente mi difendo ancora bene. In questa stagione ho giocato tutte le partite, stando in campo almeno trenta minuti a gara e realizzando ancora tante reti. Non male per un vecchietto di 37 anni. Ma confesso che avevo tanta “saudade” per Pescara, dove avevo lasciato un pezzo di cuore tre anni fa. Ho sentito dentro di me che era il  momento di tornare a “casa”, perché Pescara è diventata “casa mia”.

Come è nata dunque l’occasione di tornare a Pescara ?

Già tre anni fa il Presidente Danilo Iannascoli mi aveva offerto di restare, assumendo l’incarico di allenare i giovani. Ma la voglia di giocare era ancora tanta e pur ringraziando ho declinato l’offerta. Quest’anno parlando con Matteo Iannascoli siamo tornati sull’argomento e finalmente mi sono deciso ad iniziare questa nuova avventura, che, ti confesso mi intriga tantissimo.

Se riuscirai a trasmette anche solo in parte le tue tante doti tecniche e umane, qui a Pescara sono certi che presto cresceranno tanti campioncini.

Magari! Speriamo bene. Sono molto carico e non vedo l’ora d’iniziare, sto già studiando e  lavorando tanto. Vorrei trasmettere ai ragazzi che allenerò non solo gli elementi tecnici e tattici essenziali e la giusta mentalità per giocare ma anche la passione per questo sport meraviglioso e soprattutto i principi educativi fondamentali necessari per diventare prima che un giocatore un uomo completo. Spero di essere all’altezza del mio compito, non sarà facile.

Avrai un modello di allenatore a cui rifarti ?

È una domanda difficile alla quale non so dare risposta. Ho avuto tanti bravi allenatori, proverò a trarre da ognuno di loro gli aspetti migliori del loro lavoro. Intendo proporre il meglio di quello che ho imparato nella mia lunga carriera.

Lavorerai a stretto contatto con Marcio Forte con il quale hai ingaggiato tante battaglie come avversario. Lo conosci bene ? Come immagini questa futura collaborazione ?

Lo conosco da anni, avendolo affrontato sempre da avversario. Lo ricordo come un giocatore irriducibile, forte mentalmente e tecnicamente. Ho grande stima di lui, è sempre stato un campione dentro e fuori dal campo. Sono contentissimo e sono certo che potrà darmi una mano importante nel lavoro.

Allora non resta che darci appuntamento al PalaRigopiano per la prossima stagione.

Permettimi di ringraziare la famiglia Iannascoli per l’occasione che mi offre. Non vedo l’ora di tornare a Pescara e di poter abbracciare i tanti amici che ho lasciato tre anni fa. Mando un saluto anche a tutti i tifosi biancazzurri, augurando loro un’estate felicissima. A presto!