venerdì 23 giugno 2017
Home / Calcio a 5 / La storia tatuata sul corpo: Jamur de Sousa, mancino che fa sognare l’AeS

La storia tatuata sul corpo: Jamur de Sousa, mancino che fa sognare l’AeS

- 14 ottobre 2016

gial8579Un orologio che segna la sua data di nascita, i nomi dei genitori, un pallone, il suo numero di maglia. La sua storia, umana e sportiva, è scritta sul corpo sotto forma di tatuaggi. Jamur de Sousa ha l’aria da duro, ma un sorriso timido, da bravo ragazzo. In campo, il suo piede sinistro è il biglietto da visita. Se qualcuno non l’avesse ancora capito, può andare a rivedere la perla di sabato scorso, contro la Cogianco: palla rubata, controllo e rasoterra secco per il primo gol italiano. Alla prima partita in serie A, miglior debutto non poteva sognare. Il laterale brasiliano, 26 anni, ci ripensa e allarga il sorriso: “Sono molto contento – dice Jamur, uno scudetto in Brasile con il Brasil Kirin di Falcao nel 2014/2015 – perché da quando sono arrivato lavoro per aiutare la squadra, con i gol e non solo. Aver segnato è una bellissima soddisfazione, ma sinceramente avrei preferito vincere la partita. Speriamo di riuscirci alla prossima di campionato, magari facendo un altro gol. La dedica? Alla mia famiglia, che ci ha seguito in streaming, così come i miei amici più cari in Brasile”. Ha scelto il numero 22, lo stesso che indossa da quand’era ragazzino. “Mi ci sono affezionato e l’ho voluto anche qui in Italia. L’ho anche tatuato (mostra il polso con un disegno e il 22 al centro)”. A Montesilvano, ha trovato un ambiente accogliente e familiare: “Sto benissimo qui, la città, la gente, il cibo: non potevo fare scelta migliore. E i compagni di squadra, che dire… fantastici. C’è amicizia, voglia, obiettivi comuni: sto vivendo una bellissima esperienza”. Sul campo ha fatto vedere già di cosa è capace palla al piede, ma non è ancora contento: “Devo migliorare ancora tanto – dice con sincerità l’ex nazionale Under 21 brasiliano – . Vengo da un futsal diverso, meno competitivo. Devo trovare il ritmo partita, fare esperienza e avere più continuità in partita. Lo so, lavoro per questo e ascolto le direttive del coach”.Inizio modulo