giovedì 23 novembre 2017
Home / Calcio / Calcio Internazionale / E’ arrivata la Cicogna” in versione 2.0

E’ arrivata la Cicogna” in versione 2.0

- 29 ottobre 2013

Addio cene ufficiali nelle quali si convocano i futuri nonni per dare il lieto annuncio. Addio la visita per comunicare la notizia più bella a parenti ed amici. Addio la telefonata con voce rotta dalla commozione per dire ciò che di più bello ci possa essere al mondo. Nel 2013, l’arrivo della cicogna si annuncia via web. Basta una foto corredata da una frase oppure uno status per dire a tutti, parenti, amici, conoscenti e, nel caso di persone famose, organi di informazione, che si è in dolce attesa. L’emozione di vivere l’esperienza in questione è sicuramente la stessa, ma – permetteteci il dubbio – forse nell’era ante internet certe sensazioni si vivevano in un modo più semplice e, probabilmente, più bello. Per dare Urbe et Orbi una notizia, bella o brutta che sia, grande oppure piccola, oramai basta un click. Lo fanno le cosiddette “persone comuni”, figuriamoci i VIP che pigiando un semplice tasto sul proprio pc o sul proprio smartphone divulgano a migliaia di followers ciò che hanno da dire. Anche la news più bella ed intima della vita di una persona, come in questo caso. «Siamo entusiasti di condividere con voi la notizia felice che Anna è incinta! Valeria avrà un fratellino!» (testo originale: “Nos hace mucha ilusiòn poder compartir con todos vosotros la feliz noticia de que Anna estàembarazada!! Valeria tendrà un hermanito!!!”). Andres Iniesta, fuoriclasse del Barcellona, annuncia così sul proprio profilo Instagram l’arrivo del secondo erede. Anna, la moglie, darà alla luce un maschietto che si aggiungerà alla primogenita Valeria. Nessun hashtag ulteriore a commentare l’evento. Una semplice frase per dire a tutti cosa si vive in casa Iniesta. Nel weekend della vittoria del suo Barcellona contro il Real Madrid nel primo “Clasico” della stagione, Andres decide di festeggiare così la vittoria blaugrana. Non è andato in rete al Camp Nou, ma nella vita ha siglato di certo la doppietta più bella.