giovedì 18 gennaio 2018
Home / Calcio / Calcio Internazionale / Marko Pjaca: assist e fantasia made in Croazia (VIDEO)

Marko Pjaca: assist e fantasia made in Croazia (VIDEO)

- 28 ottobre 2013

Il nostro viaggio alla scoperta dei migliori talenti in giro per l’Europa prosegue. Dopo avervi svelato uno degli obiettivi caldi del Milan, Ecuele Manga del Lorient, passiamo ad un astro nascente che viene dall’est. E’ ancora giovanissimo (’95), ma la sua classe lo ha “promosso” sul campo: parliamo di Marko Pjaca, trequartista croato della Lokomotiva (secondo club di Zagabria, da quattro anni nel massimo campionato, specializzato negli ultimi anni proprio nella ricerca e nella formazione dei giovanissimi talenti) e della Nazionale Under 20 della Croazia. Con il numero 10 sulle spalle, agli scorsi Mondiali di categoria ha attirato a sé i riflettori dei più attenti club europei. Ha ancora un\’età da campionato Primavera, ma ha già una maturità calcistica da calcio vero. Anche in Italia qualcuno ci sta seriamente facendo un pensiero ed è pronto a investire su di lui già nel prossimo mercato invernale. Ma la concorrenza è già agguerrita. Ecco la sua scheda tecnica, firmata dal talent scout Matteo Fittavolin: «Alto un metro e 83, per 77 kg di peso, Marko Pjaca è dotato di buona struttura fisica. Longilineo, è in possesso di notevoli doti atletiche: grande cambio passo e falcata molto potente e naturale. Tecnicamente strepitoso, è un trequartista (seppur venga molto spesso ed impropriamente utilizzato come esterno) dal talento naturale e cristallino: è in grado di vedere il gioco in anticipo, capace di giocate eleganti e mai banali, e annovera nel suo bagaglio tecnico un gran controllo di palla, una facilità disarmante nel saltare l\’uomo, assist sempre precisi e decisivi ed un ottimo tiro in corsa con entrambi i piedi. Giovanissimo, ma già titolare della rappresentativa croata U20 ai Mondiali di categoria tenutisi la scorsa estate in Turchia. Probabilmente, per quanto riguarda la sua generazione, è il secondo miglior giocatore del suo Paese, alle spalle dell\’inarrivabile Halilovic (classe ’96, della Dinamo Zagabria, che a fine stagione passerà al Bayern Monaco). Facile prevedere per lui una carriera da protagonista assoluto in squadre di altissimo livello».