martedì 21 novembre 2017
Home / Calcio / Pescara / La Procura Federale deferisce il Pescara, Sebastiani e Iannascoli

La Procura Federale deferisce il Pescara, Sebastiani e Iannascoli

- 20 novembre 2013

La colpa è di «Non aver utilizzato il bonifico bancario sul conto corrente indicato in sede di ammissione al campionato di competenza, al fine di effettuare il pagamento degli emolumenti dovuti ad un tesserato per la mensilità di maggio 2013». Il procuratore federale Stefano Palazzi ha sanzionato per tale motivo i legali rappresentanti pro-tempore del Pescara, Daniele Sebastiani e Danilo Iannascoli, e per responsabilità diretta anche la stessa società. Identica sorte per il Modena. L’Ad del Pescara Danilo Iannascoli ha voluto subito precisare attraverso il sito ufficiale del sodalizio biancazzurro: «Si tratta esclusivamente di un mero anticipo sullo stipendio del calciatore Quintero (pari a 1/3 della sua retribuzione mensile), necessario per le spese di trasloco dall\’Italia al Portogallo. Per ragioni di praticità non è stato possibile utilizzare la modalità del bonifico bancario con il conto dedicato, conto con il quale, comunque, è stata saldata la mensilità in questione. Siamo dunque molto sorpresi di questo deferimento che riteniamo infondato».