sabato 25 novembre 2017
Home / Calcio / Pescara / Pigliacelli e Frascatore sì, Kabashi e Fornito no

Pigliacelli e Frascatore sì, Kabashi e Fornito no

- 4 dicembre 2013

Non è un TOPeFLOP vero e proprio. Non sono giudizi assoluti, ma “relativi”. Abbiamo preso in esame i giovanissimi mandati in campo da Marino in Spezia-Pescara. E son venute fuori luci e ombre. TOP Mirko Pigliacelli non poteva far nulla sul missile di Ebagua (un attaccante straordinario). Ma è parso sfortunato sul bis di Sansovini, poi è stato tradito da Mascara in occasione del tris di Rivas. Nel mezzo, qualche bella parata su Seymour e Madonna. Niente di eccezionale, ma il giovane estremo difensore dà la sensazione di avere personalità. Così come Paolo Frascatore, che nelle sue precedenti apparizioni ha sempre manifestato una certa, troppa timidezza. Il salvataggio al 3’ della ripresa è frutto di grande concentrazione. Uno degli ultimi a cedere. FLOP Se non è stata una giornata positiva per Dario Zuparic, un po’ spaesato e vittima di un doppio giallo molto severo (soprattutto il secondo), non lo è stata nemmeno per Elvis Kabashi e Giuseppe Fornito. Il primo è stato schierato in mediana accanto a Zuparic: poca solidità in fase di filtro e nessun acuto in transizione. Nella ripresa, con la doppia inferiorità numerica, i suoi tentativi di pressing isolato sono risultati comprensibilmente vani. Il secondo, largo a sinistra nel terzetto alle spalle di Sforzini, è stato ancora più evanescente, quasi impalpabile per larga parte della prima frazione. Detto questo, va ricordato che i due baby centrocampisti erano al debutto assoluto in maglia biancazzurra: zero contatto con partite vere, contesto troppo sperimentale, ed episodi che hanno incanalato la sfida sui binari della sofferenza. Il giudizio, pertanto, risulta impietoso ma con mille attenuanti.