giovedì 18 gennaio 2018
Home / Calcio / Pescara / Reggina-Pescara: scalpitano Viviani, Politano e Zuparic

Reggina-Pescara: scalpitano Viviani, Politano e Zuparic

- 24 ottobre 2013

Come da copione, Marino non rivela la formazione. Diventa dunque difficile ipotizzare quale Pescara scenderà in campo domani sera al Granillo di Reggio Calabria. MODULO Come interpretare l’ultimo ko interno con il Latina? Incidente di percorso nel nuovo corso tattico intrapreso (con note più che positive) a Palermo, o campanello d’allarme che deve far rimettere tutto in discussione? Dato il certo recupero di Balzano, la sensazione è che si proseguirà con il 3-4-3. ATTACCO Antonino Ragusa è forse uno di quei giocatori ad aver subito il maggior calo di rendimento fisico e tecnico, da inizio campionato a oggi. Ma il suo allenatore difficilmente se ne priverà, per le qualità di corsa che consentono una maggiore copertura in fase di non possesso. Schierarlo sulla linea mediana a sinistra, al posto di un Rossi finora mai totalmente convincente, potrebbe essere mossa coraggiosa, audace e un po’ azzardata. Ma assolutamente non da escludere. Le grandi sorprese potrebbero invece riguardare i due “senatori” Cutolo e Mascara: il primo potrebbe accomodarsi in panchina a beneficio di Politano, il secondo, mai nel vivo del match nelle ultime 2 uscite, dovrà vincere la concorrenza dell’aitante Maniero. CENTROCAMPO Detto di Rossi/Ragusa e Balzano confermato a destra, è bagarre lì in mezzo: Brugman, Rizzo e Viviani lottano per 2 maglie. L’unico sicuro del posto? Ci sbilanciamo e diciamo Viviani. Il talento romano è stato accantonato con il ritorno di Brugman, ma al momento tenere fuori un giocatore in grado di sbloccarla anche su palla inattiva non pare una scelta lungimirante. Il Rizzo visto con il Latina è troppo brutto per essere vero. L’opzione dei due mediani “geometrici” costerebbe la maglia proprio all’ex Reggina. DIFESA Zauri, Cosic o Zuparic accanto a Schiavi e Bocchetti? Il primo ha più esperienza, il secondo lo segue a ruota, se non altro in paragone al terzo, che però oggi è stato nominato da Marino: «Zuparic presto giocherà». Lanciarlo sul difficile campo di Reggio è rischioso, ma il Pescara ha ben altri problemi. Che andranno superati anche grazie al coraggio di osare.