giovedì 18 gennaio 2018
Home / Calcio / Pescara / Sudore e concretezza: Novara-Pescara 0-0

Sudore e concretezza: Novara-Pescara 0-0

- 22 novembre 2013

Termina a reti bianche l’anticipo di serie B tra Novara e Pescara. Un match non esteticamente memorabile che regala a Calori il primo punto della sua gestione e a Marino il quinto risultato utile consecutivo (3 vittorie e due pareggi). Per i biancazzurri, sono undici i punti conquistati sugli ultimi 15 a disposizione: forse il Delfino non è guarito del tutto, ma la convalescenza prosegue bene anche se, sul piano della manovra e della pericolosità, si è registrato un passo indietro rispetto al passato. Marino smentisce tutte le previsioni della vigilia ed opta, sia nel trio di difesa che in quello di attacco, per interpreti a sorpresa: nel pacchetto arretrato spazio a Zauri, Cosic e Capuano mentre in avanti Cutolo e Politano si accomodano in panchina per dare spazio dal 1’ al tridente Mascara- Maniero-Ragusa. Dopo un promettente avvio, il Pescara soffre la crescita dei padroni di casa che nella parte centrale della prima frazione di gioco prendono il sopravvento ed hanno un paio di buone occasioni per sbloccare il match ma, tra imprecisione ed un salvataggio di Zauri a due passi dalla linea di porta (30’), Lazzari e soci lasciano immacolata la porta difesa da Pigliacelli. Al 43’, lo stesso Pigliacelli dice di no ad un bolide da fuori di Lazzari e poi è reattivo a chiudere, in collaborazione con Cosic, lo specchio della porta su Gonzalez pronto a calciare a rete sulla respinta. Si chiude dunque a reti inviolate un primo tempo non spettacolare ma agonisticamente valido. Il copione tattico in avvio di ripresa non muta con i padroni di casa a fare la gara e gli ospiti a compattarsi e a ripartire in contropiede. A dominare, però, è l’imprecisione ed il taccuino del cronista non registra ghiotte occasioni. Ne scaturiscono 20’ senza sussulti, dunque, che inducono i tecnici a mischiare le carte. Calori cambia regista (Genevier per Buzzegoli) mentre Marino prova la carta Politano in luogo di Mascara un attimo dopo un nuovo intervento decisivo di Pigliacelli su Pesce (30’). Lo spartito non cambia nemmeno dopo gli avvicendamenti tra Comi e Rubino in casa Novara (33’) e tra Padovan e Maniero sulla sponda opposta (43’). Nel recupero Rigori sfiora il gol della vittoria ma dopo 4’ di recupero la fine delle ostilità consegna un punto tutto concretezza e sudore ai biancazzurri. Novara-Pescara 0-0 Novara: Kosicky, Perticone, Ludi (1’st Mori), Bastrini, Pesce, Lazzari, Buzzegoli (26’st Genevier), Rigoni, Marianini, Rubino (33’st Comi), Gonzalez. A disposizione: Tomasig, Vicari, Salviato, Parravicini, Iemmello. Allenatore: Alessandro Calori Pescara: Pigliacelli, Cosic, Capuano, Zauri, Balzano, Brugman, Rizzo, Frascatore (28’st Bocchetti), Maniero (43\’st Padovan), Ragusa, Mascara (31’st Politano) . A disposizione: Pelizzoli, Viviani, Cutolo, Fornito, Schiavi, Padovan, Zuparic . Allenatore: Pasquale Marino