giovedì 23 novembre 2017
Home / Calcio / Serie A / Ciro Immobile: un calcio al sovrappeso

Ciro Immobile: un calcio al sovrappeso

- 5 dicembre 2013

“Bilancia, vade retro”: ecco il motto dei ragazzi quando si parla di salute e benessere. Il 20% dei giovani tra gli 8 e i 15 anni, infatti, è in sovrappeso, mentre soltanto il 15% degli adolescenti consuma quotidianamente le dosi consigliate di frutta e verdura. Dati allarmanti, perché il 30% dei tumori è direttamente collegato a una dieta sregolata e molti casi di cancro potrebbero quindi essere evitati mangiando in modo sano. Non solo: ingrassare significa far aumentare il rischio di diabete e problemi al cuore. Ecco perché diventa fondamentale la sensibilizzazione dei giovani a stili di vita sani, magari con la collaborazione dei campioni dello sport. Sono questi i concetti chiave del Progetto “Non fare autogol”, la campagna promossa da AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e Fondazione AIOM per spiegare agli adolescenti come tenersi alla larga da malattie e disturbi. Nella quarta tappa della quarta edizione presso l’Istituto “Plana” di Torino, l’attaccante del Torino Ciro Immobile sale in cattedra per insegnare ai giovani lo stile di vita dei campioni. «È con grande piacere che ho accettato di partecipare nuovamente a un progetto così importante, rivolto agli adolescenti, i nostri primi tifosi – ha dichiarato –: spesso si inizia a scuola con le cattive abitudini, voglio che i ragazzi capiscano che prendere vizi da giovanissimi fa male alla salute da adulti. La scorretta alimentazione? Mangiare in modo sano ed equilibrato, come noi campioni dello sport, è il modo migliore per restare in forma a tutte le età».