martedì 12 dicembre 2017
Home / Calcio / Cristian Bucchi gioca Modena-Pescara: “Melchiorri? Lo consigliai 2 anni fa…”

Cristian Bucchi gioca Modena-Pescara: “Melchiorri? Lo consigliai 2 anni fa…”

- 19 novembre 2014

L’ex tecnico biancazzurro svela un retroscena sul forte attaccante, ammira Baroni e di Bjarnason dice: “E’ disordinato tatticamente”

 

Cristian Bucchi (foto emmetì)

Cristian Bucchi (foto emmetì)

Cristian Bucchi, sabato c’è Modena-Pescara. “Sarà una bella partita – afferma subito – tra due squadre che vengono da momenti diversi. Il Modena arriva da alcune sconfitte e avrà fame di punti, il Pescara da due vittorie che gli hanno dato continuità e stimoli”. Emiliani tosti in difesa, biancazzurri travolgenti in attacco. “Il Modena è quadrato, ha un tecnico esperto. Fa fatica in attacco, ma rimpiazzare Babacar non era facile. Ferrari ha avuto qualche problema fisico, Beltrame deve ancora esplodere. Poi ci sono stati infortuni seri, come quello di Signori. Il Pescara mi piace molto. Fa gol con facilità, Baroni ha un’ottima idea di calcio, Sebastiani ha fatto bene a dargli fiducia per fargli esprimere la sua filosofia di gioco, superando i problemi d’inizio stagione come l’inserimento dei tanti nuovi acquisti, gli infortuni e gli episodi poco fortunati”.

Da ex goleador affermato, come giudica la coppia Maniero-Melchiorri? “Pippo è straordinario. Ho giocato con lui, so che soffre se gli manca la fiducia. Ma se viene responsabilizzato, come adesso, è un grande. E’ diventato il leader della squadra. Di Melchiorri, forse non tutti sanno che due anni fa, quando eravamo in A, io feci il suo nome a Ruffini, Delli Carri e poi in estate di nuovo a Repetto. Dissi: “Guardate che nella Maceratese c’è un ragazzo interessantissimo, che ha segnato venticinque gol in D e può giocare in tutti i ruoli dell’attacco. Prendetelo e portatelo in ritiro”. Qualche tempo dopo dissi al mio conterraneo Valentini, ds del Padova, che lo portò in Veneto. E’ un giocatore con dei colpi pazzeschi, forza fisica e fiuto del gol. Può ancora arrivare in A”. Se lo dice un bomber come Bucchi, c’è da fidarsi.

Su Bjarnason: “Con me ha giocato mezzala o trequartista. Per me sono i suoi ruoli per qualità tecniche e fisica e per facilità di corsa. Anche perché ha una pecca: è disordinato tatticamente, in altre zone del campo potrebbe creare problemi. In B, comunque, potrebbe giocare anche in ruoli diversi. Da lui ci aspetta tanto, un salto di qualità utile alla squadra. Baroni riuscirà a valorizzarlo”.

 

16 commenti