domenica 23 luglio 2017
Home / Calcio / D’Annunzio Calcio, Mincarini è il nuovo presidente

D’Annunzio Calcio, Mincarini è il nuovo presidente

- 20 ottobre 2016

mincariniCambio al vertice di una delle società di calcio giovanile più apprezzate della regione abruzzese, la D’Annunzio calcio.
Il nuovo presidente del team biancorosso è Giovanni Mincarini, già da sempre nei ranghi della D’Annunzio come allenatore e direttore tecnico. Tra l’altro Mincarini è ancora un allenatore in attività e, alla bella di età di 74 anni, vanta anche questa sorta di primato in Abruzzo dopo una carriera spesa anche su panchine semiprofessionistiche.
Mincarini prende il posto di Nunzio Gagliardi, che comunque resta nei quadri con la poltrone di vice-presidente dopo un lungo e onorato periodo di presidenza.
Ecco alcune dichiarazioni del neo-presidente: “Stiamo crescendo anno dopo anno, mantenendoci sempre nell’élite del calcio giovanile abruzzese. Malgrado le difficoltà oggettive, riusciamo sempre a rispettare gli impegni nel modo migliore, grazie a una organizzazione collaudata e ai nostri bravissimi allenatori e collaboratori. Come sempre, noi curiamo molto sia l’aspetto tecnico sia quello comportamentale. E ogni tanto tiriamo fuori ragazzi talentuosi cresciuti nel nostro vivaio, che proiettiamo verso realtà prestigiose”.
Il riferimento è a Andrea Di Pinto (1997), oggi in prestito al Matelica via Pescara calcio.
A Francesco Mele (1998), il capitano della Primavera del Pescara.
A Lorenzo Rosano (1999), all’Aquila calcio.
A Loris Barbetta (2000), oggi al Chievo dopo aver disputato due stagioni con l’Ascoli di Cetteo Di Mascio.
A Francesco Colantonio (2000), all’Ascoli, portiere cresciuto sapientemente in casa D’Annunzio curato da mister Pacchiarotti.
A Luca D’Antonio (1998), al Pineto calcio.
E poi ci sono tanti ragazzi che oggi giocano in Eccellenza e Promozione.
Mincarini conclude così il suo intervento: “Il nostro lavoro quotidiano sarà sempre proiettato verso una sana crescita dei ragazzi, indipendentemente dalle qualità che ognuno piò avere. Questa è la D’Annunzio”.