venerdì 24 novembre 2017
Home / Calcio / Eccellenza/Promozione / Prospero lascia la Vastese: «Pensavo di essere apprezzato…»

Prospero lascia la Vastese: «Pensavo di essere apprezzato…»

- 28 dicembre 2013

«Pensavo che la nuova Vastese fosse una bella sorpresa per gli amanti del calcio, ma mi sono sbagliato». Inizia così la lettera di “addio” di Antonio Prospero, consigliere regionale e tra i principali fautori del progetto sportivo biancorosso. «Pensavo che in molti, cittadini, sportivi e tifosi potessero stare dalla mia parte, in campo e fuori campo, a dire con me “Forza Vasto”, ma così non è stato. Pensavo di fare unità in nome del calcio e mi sono trovato ad essere motivo di divisione per alcuni giornalisti e per alcuni politici, per la stampa e per il palazzo di governo. Pensavo che il calcio mi tenesse lontano dal confronto politico, invece nella testa di alcuni domina l\’idea che l\’interesse politico sia il motivo che mi ha spinto a ridare a Vasto una sua dignità, anche nel mondo del calcio. Pensavo di non essere sempre e comunque criticato, ma qualche volta anche incoraggiato e sostenuto. Mi sono davvero sbagliato, per me si chiudono le porte dello stadio. Il campo è di nuovo libero per chi ha qualcosa da proporre in alternativa al mio operato, per chi meglio di me ha uno schema di gioco vincente. Io esco dal campo con tanto dispiacere, un po\’ disincantato e un po\’ deluso, ma sicuramente sereno, perché ho fatto il possibile, ci ho provato. Ringrazio con affetto i pochi cittadini, sportivi, tifosi e quel minuto gruppo di amici dirigenti che mi hanno sostenuto e che amano Vasto e il calcio come me. Auguro alla Vastese un futuro migliore e il successo che merita. Dico ancora una volta con orgoglio “Forza Vasto” anche per quelli che non hanno creduto nella mia persona, nel mio impegno e nelle mie sincere intenzioni», si legge nel suo comunicato inoltrato alle redazioni giornalistiche.