mercoledì 22 novembre 2017
Home / Calcio / Lega Pro / Teramo all’ultimo respiro, il Chieti spreca e perde

Teramo all’ultimo respiro, il Chieti spreca e perde

- 11 novembre 2013

Una beffa. L’Aquila perde a Perugia dopo aver giocato gran parte della gara in dieci. E non è la giusta fotografia del match del Curi, perché, per quanto visto, il pareggio la squadra di Giovanni Pagliari lo avrebbe meritato eccome. Non solo. L’espulsione ai danni di Zaffagnini, arrivata al 20’ del primo tempo, appare molto esagerata. Il Grifo sblocca su rigore con Eusepi. Ma, nella ripresa, arriva la reazione rossoblù: l’1-1 di Triarico è meritatissimo. Quando il pari sembra ormai cosa fatta, è Mazzeo a riportare avanti il Perugia. Il rammarico aumenta perché, a tempo ormai scaduto, Massoni allontana sulla linea un tiro di Infantino. E, davanti a seicento tifosi aquilani, si materializza il primo stop fuori casa. Ha un cuore grande così il Teramo che vince a Sorrento. Una vittoria che arriva all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di recupero, quando Ferrani mette dentro la palla del 3-2. Una prova di carattere, l’ennesima, per confermarsi al secondo posto. La favola biancorossa, dunque, continua. Il migliore in campo è Dimas, che sblocca il risultato e poi riporta avanti i teramani ad inizio secondo tempo. Inutili i gol dei campani Canotto e Chinellato, perché la squadra di Vincenzo Vivarini ha il merito e la forza di non accontentarsi e piazzare il colpo vincente quando ormai sembra tutto deciso. Nella gara dei rigori sbagliati, il Chieti viene affondato dal Tuttocuoio. La differenza la fa Matteini, che piazza l’inzuccata decisiva in avvio di ripresa. Eppure le occasioni migliori le costruisce la formazione di Pino Di Meo, che sotto porta sbaglia di tutto e di più. Così, dopo il miracolo del primo tempo di Robertiello (che respinge un penalty di Matteini), nel secondo Guidone dal dischetto manda alle stelle. A fine gara Di Meo è una furia (“E’ tutta colpa mia, ma se si sbagliano gol a porta vuota mica posso buttarla dentro io”), mentre il presidente Walter Bellia spazza via qualsiasi dubbio: “L’allenatore non rischia niente, non ha nessuna colpa”. Risultati Prima divisione girone B. Benevento-Pisa 1-1, Grosseto-Catanzaro 0-1, Gubbio-Barletta 0-1, Perugia-L’Aquila 2-1, Pontedera-Lecce 0-0, Prato-Frosinone 3-3, Salernitana-Nocerina sospesa, Viareggio-Ascoli 0-0. Classifica. Pisa 21, Pontedera 21, Frosinone 20, L’Aquila 20, Catanzaro 19, Prato 18, Perugia 16, Benevento 14, Salernitana 12, Lecce 12, Grosseto 12, Gubbio 11, Ascoli 7, Barletta 7, Viareggio 7, Paganese 6, Nocerina 1. Risultati Seconda divisione girone B. Arzanese-Aversa Normanna 0-1, Casertana-Foggia 0-0, Chieti-Tuttocuoio 0-1, Gavorrano-Messina 0-1, Ischia-Castel Rigone 1-0, Melfi-Martina Franca 1-0, Poggibonsi-Cosenza 0-2, Sorrento-Teramo 2-3, Vigor Lamezia-Aprilia 3-1. Classifica. Cosenza 24, Teramo 23, Vigor Lamezia 19, Casertana 18, Melfi 17, Tuttocuoio 17, Aversa Normanna 16, Foggia 15, Poggibonsi 15, Ischia 15, Chieti 13, Castel Rigone 13, Sorrento 12, Messina 12, Aprilia 12, Martina Franca 10, Gavorrano 8, Arzanese 3.