sabato 25 novembre 2017
Home / Calcio / Lapadula-Caprari, un asse micidiale: Pescara-Bari 3-1

Lapadula-Caprari, un asse micidiale: Pescara-Bari 3-1

- 30 gennaio 2016

24esima giornata di serie B, gli attaccanti fanno volare il Delfino

 

Un asse così micidiale in riva all’Adriatico non lo si vedeva dai tempi zemaniani di Insigne e Immobile. Ora gli interpreti si chamano Gianluca Lapadula e Gianluca Caprari. Gol assist gol, assist e gol: il Pescara supera 3-1 il Bari e vola a 46 punti in classifica.

Oddo adatta Fornasier a destra nella linea difensiva, con Fiamozzi che ha già di fatto salutato il biancazzurro. Camplone risponde con De Luca e Rosina a sostegno del fischiato ex Maniero. Il pubblico di casa accompagna le folate offensive di un Pescara da subito pericoloso con Verre e Lapadula, il Bari replica con un sinistro alto di Rosina. Al 20esimo la palla buona capita sul sinistro di Memushaj, alzato in corner dall’attento Guarna. Alla mezz’ora il Delfino passa in vantaggio con i soliti due, Caprari e Lapadula: il primo rifinisce, il secondo salta il portiere e appoggia in rete. Bolgia. I pugliesi abbozzano una reazione ma sbattono sempre sul muro eretto da un Campagnaro stellare. Nel finale di tempo Fiorillo smanaccia un colpo di testa di De Luca.

Si capisce subito che la ripresa sarà ancor più divertente. Il Bari ha subito una chance al pronti-via, poi al 6′ Verre libera Caprari con una giocata alla Neymar ma il giovane attaccante sbaglia controllo e perde l’attimo. La squadra di Camplone è viva, non molla, inizia a cercare più spesso le fasce e trova il pari al 9′ con colpo di testa di De Luca su cross di Defendi. È una fase delicata per la squadra abruzzese che rischia di sbandare: Oddo prova a dare la scossa con il doppio cambio Verde-Mitrita per Verre-Benali. Il Bari però è tremendamente pericoloso e Fiorillo deve salvare a tu per tu con Maniero, poi De Luca spara alto dopo sontuosa iniziativa di Rosina. Al 33esimo, nel momento più difficile, il Pescara trova il gol del nuovo vantaggio sempre sul solito asse micidiale, ma a ruoli invertiti: Lapadula scappa via in velocità con furbizia e serve l’accorrente Caprari, che di destro infila il 2-1. Il finale diventa a tratti infuocato e nervoso ma gli ospiti non riescono nell’operazione rimonta, anzi è il super Lapadula a chiudere la sua giornata memorabile con sprint e cucchiaio del 3-1 finale. Il momento magico del Pescara continua. Ora gli ultimi scampoli di mercato, poi testa bassa verso i prossimi impegni con un solo obiettivo in testa: riprendersi ciò che sfuggì di un soffio l’anno scorso al Dall’Ara.