venerdì 26 maggio 2017
Home / Calcio / Manifesta inferiorità: Pescara-Bologna 0-3, i tifosi sono stufi

Manifesta inferiorità: Pescara-Bologna 0-3, i tifosi sono stufi

- 18 dicembre 2016

17esima giornata di campionato: Verre espulso al 15′, biancazzurri nel baratro

 

 

I tifosi del Pescara

I tifosi del Pescara

L’inferiorità del Pescara è manifesta e totale. E’ tecnica, fisica e mentale. Doveva vincere e basta contro il Bologna all’Adriatico. E invece perde 3-0 senza appello, beccandosi fischi e cori di un pubblico oramai stufo di tutto e tutti, giocatori tecnico e società.

LA GARA L’epurato da Oddo è Zampano, che va in panchina a beneficio di Crescenzi e Biraghi. In attacco gioca Manaj supportato da Benali e Caprari. Nel Bologna Mounier assiste da vicino Destro con Krejc a completare il tridente.

Uno spunto non riuscito di Benali, un quasi autogol di Biraghi e al 7′ il colpo di testa di Masina che sorprende una distratta retroguardia biancazzurra e porta in vantaggio il Bologna. Inizio shock per il Pescara, in una gara che al 16′ si fa ancor più difficile quando Verre entra in modo troppo deciso su Mounier e si becca il rosso diretto. Biancazzurri in 10 uomini.

Gli ospiti sentono l’odore del sangue e cercano il raddoppio prima con Destro, che liscia clamorosamente dal dischetto, poi con Dzemaili e Masina da fuori area con Bizzarri protagonista di due grandissime parate. I ragazzi di Oddo ci mettono il cuore nel rincorrere gli avversari, su tutti Brugman e Gyomber. Un po’ meno Manaj, che al 35′ lascia il posto a Zampano. Al 41′ però ci si mette anche la sfortuna, quando il sinistro di Dzemaili viene deviato da Campagnaro e diventa una palombella beffarda che scavalca Bizzarri e si insacca in rete. Raddoppio Bologna e cori poco gradevoli di un Adriatico comprensibilmente stufo.

RIPRESA Nel secondo tempo Oddo lascia Brugman negli spogliatoi e inserisce Cristante. La gara si chiude virtualmente al 12′, quando dopo una sventola di Viviani deviata da Bizzarri, Crescenzi stende Destro in area e Krejci trasforma il conseguente calcio di rigore (0-3).

Al 20′ fuori Benali per Pettinari, ma la partita è di fatto archiviata. Il Bologna trotterella, il Pescara ci prova con punizione di Biraghi e destro di Memushaj, conclusioni entrambe alte oltre la traversa. A cavallo della mezz’ora Bizzarri è addirittura straordinario due volte su Krejci e Viviani. L’ultimo sussulto del match lo regala proprio Pettinari con una bella giocata personale: controllo di tacco e sinistro insidioso che strappa qualche timido applauso. Il Pescara resta a quota 8 in classifica, Empoli a +6 e salvezza che diventa sempre più sinonimo di miracolo. Ma questa non è più una notizia già da svariate settimane.