martedì 12 dicembre 2017
Home / Calcio / “Pescara, c’è il rischio ribaltone. Mercato? Due colpi subito”

“Pescara, c’è il rischio ribaltone. Mercato? Due colpi subito”

- 22 dicembre 2014

#Opinione – il giornalista Orlando D’Angelo analizza la delicata posizione di Baroni e le strategie societarie in vista di gennaio

 

Marco Baroni (foto Mucciante)

Marco Baroni (foto Mucciante)

Sebastiani ha difeso Baroni nonostante il perdurare di aspre critiche nei confronti del tecnico: eventuali passi falsi con Varese e Livorno potrebbero causare clamorosi ribaltoni?

“Sebastiani fa sempre il suo mestiere di presidente e cerca di far trapelare giustamente coerenza e compattezza interna per dare tranquillità. Il calcio però ha regole semplici: se non si vincesse una delle due gare rimaste, il ribaltone tecnico sarebbe inevitabile, avendo poi quattro settimane per far lavorare un nuovo tecnico. Non dimentichiamo che Baroni è il decimo tecnico in sette stagioni di questo corso societario”.

Riprendiamo e rispondiamo alla domanda di Oggi Taggo: è davvero tutta colpa di Baroni se il Pescara ha poche idee e poca personalità?

“Non è tutta colpa di Baroni, anzi. Le colpe, come i meriti, vanno sempre distribuite. Le idee sul mercato sono state al solito troppe e poco chiare. Tanti giocatori presi, nessuno o quasi di proprietà, nessuno o quasi richiesto dal tecnico. Pochi pronti fisicamente, alcuni reduci da retrocessioni. Un puzzle articolato che richiede tempo, pazienza e qualche rischio di troppo in classifica”.

In vista del mercato, se tu fossi Baroni, chiederesti ritocchi o rivoluzione?

“Se fossi Baroni chiederei prima di tutto scelte nette, sia in entrata che in uscita, senza il solito valzer delle ultime 48 ore di mercato. Uno o due colpi da fare subito, poi solo cessioni. Non servono trenta giocatori per salvarsi in B. E Vitturini dimostra che qualcosa può dare anche la Primavera. Aspettiamo ancora il debutto di Torreira…”.

Sguardo alle altre di B: da chi ti aspetti un cambio di marcia nel 2015?

“Credo che il Bologna farà di tutto per piazzarsi tra le prime due della classe. E occhio al Bari: un anno fa costruì le sue fortune nel ritorno. Ma spero soprattutto che inizi a correre il Pescara”.

20 commenti