sabato 23 settembre 2017
Home / Calcio / Fornasier fa e disfa: Pescara-Spezia 2-2. Sansovini, clamorosa traversa al 48!

Fornasier fa e disfa: Pescara-Spezia 2-2. Sansovini, clamorosa traversa al 48!

- 5 dicembre 2015

16esima giornata di serie B: incredibile finale all’Adriatico

 

20151205_145853

Fornasier fa e disfa, Sansovini si ferma alla traversa. Ecco i fotogrammi chiave di Pescara-Spezia, gara terminata 2-2 con tante emozioni nel finale di gara. Il difensore biancazzurro Fornasier procura il rigore del pareggio dopo aver sbloccato la gara al 2′ della ripresa, l’attaccante neo entrato scarica il sinistro del possibile 3-2 a tempo scaduto ma si vede negare la gioia del gol dal montante. Incredibile.

Possesso palla e tanti passaggi orizzontali per il Pescara, interdizione e tentativi di ripartire in velocità per lo Spezia. Il copione non descrive certo una gara spumeggiante, né il rigore chiesto da Caprari e la dormita di Benali solo davanti a Chichizola possono stravolgere tale impressione. Da apprezzare è lintraprendenza di Mandragora sia in fase di impostazione che nelle conclusioni da fuori, due alte sulla traversa, così come la tecnica e l’intesa tra Catellani e Nenè costituiscono un fattore da non sottovalutare mai. Sta di fatto che solo al 27esimo arriva la prima reale occasione gol del match con il debole colpo di testa di Lapadula su cross di Caprari. Il 10 biancazzurro si ripete allo scadere della frazione mancando lo specchio da pochi passi.

La ripresa inizia con il vantaggio repentino del Pescara: corner, traversa di Mandragora e tap in vincente di Fornasier. Verre e Caprari sfiorano il raddoppio, che si materializza al 18esimo con Lapadula abile nel trafiggere Chichizola dopo la combinazione in velocità con Verre. Lo Spezia rientra subito in partita con il gol di Catellani, che calcia forte da lontano e trova un Fiorillo non impeccabile. Si aprono spazi nuovi sui due fronti e Verre scheggia l’incrocio dei pali su assist di Caprari. Oddo rinforza la mediana con Selasi per Benali e chiede ai suoi più calma nelle giocate, mentre gli ospiti cercano spesso la corsia mancina e nello specifico i cross dell’ex Giulianova Migliore. Al 36esimo Caprari non capitalizzazione una bella invenzione di Lapadula, poi è quest’ultimo a colpire il palo su palla magica di Mandragora. Sembra finita, ma a tempo scaduto Fornasier commette un ingenuo fallo da rigore che Catellani trasforma con freddezza. Al terzo di recupero una girata improvvisa del neo entrato Sansovini sbatte sulla traversa e spegne il sogno di un successo Last minute che avrebbe riportato in casa Delfino quell’entusiasmo svanito da qualche settimana (espulso anche Oddo). Pescara a quota 25 punti in classifica, Spezia a 18 lunghezze. Adriatici impegnati martedì sul campo del Brescia.