sabato 23 settembre 2017
Home / Calcio / Thriller con finale da incubo: Pescara-Ternana 1-2

Thriller con finale da incubo: Pescara-Ternana 1-2

- 7 novembre 2015

Dodicesima giornata di B: Dugandzic condanna i biancazzurri al 44esimo

 

Come nei thriller meglio riusciti, il Pescara cade in casa per mano della Ternana. 2-1 in favore degli umbri in una gara dalla trama davvero inaspettata: vantaggio ospite con Falletti, pari biancazzurro con Caprari, rosso diretto e severissimo per Fornasier al 35′, poi un’ora giocata con coraggio e voglia di vincere nonostante l’uomo in meno, i clamorosi errori di Lapadula e Forte e alla fine il contropiede letale finalizzato da Dugandzic, che ha pugnalato al cuore il Delfino rimandandone l’atteso riscatto dopo il ko di Novara.

La Ternana lancia da subito un messaggio chiaro: Pescara non sarà per gli umbri metà turistica. La squadra di Breda prova a colpire sfruttando la rapidità sugli esterni e al 16esimo trova il vantaggio con Falletti. L’assist è di Ceravolo, che viene però innescato da una leggerezza di Zuparic in disimpegno mal riuscito. Il pareggio arriva al 24′ quando Caprari calcia di potenza sotto la traversa una punizione a due in area umbra. Al 35′ l’arbitro Marini prende una decisione molto severa estraendo il rosso diretto per Fornasier, autore di un fallo duro su Busellato: Pescara in 10. Il primo tempo finisce con la furia del pubblico dell’Adriatico nei confronti del direttore di gara.

Nella ripresa Mandragora fa il centrale di difesa e Torreira subentra a Valoti nel 4-3-2 ridisegnato da Oddo. Il Pescara non si arrende all’uomo in meno e spinge pericolosamente con Zampano, mentre la Ternana crea sempre grattacapi sulla fascia destra con Gondo e Falletti. Quest’ultimo è pericoloso al 15′ con girata di poco a lato. Entra anche Forte al posto di Benali per un Pescara a trazione ancor più offensiva, e al 20′ è clamoroso l’errore di Lapadula liberato da Caprari tutto solo davanti a Mazzoni, con il portiere rosso verde miracoloso in allungo. La gara si svolge in spazi ampi sfruttati in velocità dai biancazzurri  (Zampano scatenato) protesi in attacco a caccia della vittoria e abili negli spazi stretti con la tecnica di Torreira e Caprari. Tutta questa intensità non produce però occasioni nitide. Fino al 44′, quando dopo l’espulsione di Zanon Forte calcia a colpo sicuro da pochi passi e si vede rimpallare il possibile 2-1, che diventa invece realtà per la Ternana in contropiede con il sinistro letale di Dugandzic. La sconfitta incredibile lascia il Pescara a 18 punti in classifica. Domenica trasferta in quel di Como per la truppa di Oddo.