martedì 12 dicembre 2017
Home / Calcio / “Pescara, ti do un 6 pieno. Caprari, è finito il tempo dell’attesa”

“Pescara, ti do un 6 pieno. Caprari, è finito il tempo dell’attesa”

- 30 dicembre 2014

#Opinione Il bilancio stilato dal giornalista Orlando D’Angelo: rivelazione, delusione, pagelle, speranze, obiettivi e scenari di mercato

Lo Stadio Adriatico di Pescara

Lo Stadio Adriatico di Pescara

Un voto al Pescara visto nel girone di andata, e la motivazione.

“Al Pescara do un 6 pieno, voto meritato dai biancazzurri con la serie di sei risultati utili completata a Livorno. Sufficienza giustificata dal cantiere aperto con cui Baroni ha dovuto lavorare dall’estate ad oggi. Non era facile compattarsi in tempi brevi”.

La rivelazione e la delusione in casa biancazzurra.

“La rivelazione, a mio avviso, è Maniero. Dopo un’altra estate in discussione, e con la responsabilità di doversi confermare dopo i 13 gol dell’anno scorso, il bomber ha fatto meglio: è diventato leader e grandissimo goleador. La delusione, finora, è un tandem: Pesoli-Lazzari. Il difensore doveva essere il leader della difesa, ma non ha dato sicurezza al reparto né si è imposto nello spogliatoio. Lazzari doveva riscattarsi dopo il flop di Novara, ma si è perso per strada dopo una buona partenza. Ha pagato la sciocchezza delle tre giornate di squalifica rimediate a Modena”.

Il grave errore che non si deve commettere nel mercato di gennaio, e invece quello che sarebbe un bel “colpo”.

“L’errore sarebbe quello di non essere chiari e di non fare scelte nette e precise, ora che tutto sembra chiaro. Un esempio: Melchiorri parte? Se sì, meglio che avvenga subito, altrimenti ribadire con chiarezza che fino a giugno non si muoverà. Non serve un vero colpo, ma un paio di ritocchi importanti per dare a Baroni scelte di pari livello. Terzino sinistro e mezzala”.

Marco Baroni: ha fatto bene la società a dargli fiducia o ti saresti aspettato un esonero già qualche settimana fa?

“La società ha fatto più che bene. Sono contrario al cambio di allenatore dopo poche settimane, a meno che non sia giustificato da gravi problemi di gestione della squadra. Non era il caso di Baroni, che ha bisogno, come e più dei suoi ragazzi forse, di sentire fiducia attorno a sé e di stabilizzarsi in classifica per rendere al meglio”.

Possibilità in percentuale che Melchiorri resti a Pescara?

“Il mercato è pieno di sorprese e non penso che si possa fare una percentuale diversa dal 50 e 50… la speranza è che resti fino a giugno. Ma è pronto per la A”.

Infine, da quali giocatori ti aspetti un 2015 diverso in positivo.

“Da Caprari: da giovane promessa sta diventando una delusione. E’ vero che per infortunio è stato fuori per tre mesi, ma l’attesa per lui è finita. Dev’essere lui per primo a capire che è il momento di spiccare il volo”.