giovedì 23 novembre 2017
Home / Calcio / Lanciano / Ferrario-Abruzzo, il sì un anno dopo

Ferrario-Abruzzo, il sì un anno dopo

- 5 novembre 2013

Ferrario-Abruzzo, il si arriva con un anno di ritardo. Nella scorsa sessione invernale di mercato, Stefano Ferrario, aitante difensore in forza al Lecce in quell’epoca, vide saltare in extremis il suo trasferimento al Pescara. Tutto fatto. Per questioni di tempi e modulistica, come i tifosi biancazzurri sanno bene visto che il suo mancato sbarco fece il paio con quello ben più reclamizzato di Kasami, l’affare andò in fumo. A distanza di un anno tante cose sono cambiate ma l’arrivo del centrale in Abruzzo stavolta avverrà. Non a Pescara, però, ma a Lanciano. Svincolato, Ferrario sta finendo di scontare la squalifica di quattro mesi inflittagli in estate per omessa denuncia relativa alla partita Lecce-Lazio. Il Procuratore Palazzi aveva chiesto tre anni e mezzo di stop, poi in appello la pena è stata prima ridotta a sei mesi e successivamente a quattro. Ora la squalifica di Ferrario è quasi agli sgoccioli. “-1 mese” ha twittato Ferrario sul suo profilo ufficiale. E tra un mese inizierà la sua avventura frentana. I rossoneri, infatti, lo metteranno sotto contratto per affidare a Baroni un rincalzo doc ed una nuove torre difensiva per dare il cambio alla coppia Troest-Amenta. A breve dovrebbe arrivare in città ed iniziare ad allenarsi per ritrovare la forma migliore dopo la lunga inattività. Poi, se tutto andrà come deve, l’accordo verrà formalizzato. Ma come ha vissuto questo duro periodo il difensore classe 1985? Il suo pensiero è affidato a 4 tweet consecutivi (Stefano Ferrario @stefanoferro19 30 Ott): “E\’ stato un periodo bello, nonostante mi abbia lasciato lontano dal campo per parecchi giorni, mi ritengo lo stesso fortunato perché ho potuto rivivere la mia famiglia, godermi i miei nipoti, rivedere gli amici di sempre, e vedere il mondo fatato” del calcio sotto aspetti e prospettive totalmente diverse… Facendomi aprire gli occhi, tanto da arrivare alla conclusione che tanto fatato non è… Però è una parte della mia Vita ed giusto che continui a fare ciò che mi gratifichi di più!!! Di sicuro guarderò questo mondo con occhi diversi”.