martedì 21 novembre 2017
Home / Calcio / Lanciano / Fragilità estrema: Lanciano-Carpi 1-3

Fragilità estrema: Lanciano-Carpi 1-3

- 26 dicembre 2013

La Virtus Lanciano deve ancora rinviare l\’appuntamento con la vittoria, che ormai manca da troppo tempo, un po\’ per sfortuna, un po\’ per effettivi demeriti dell\’undici frentano. Anche nel match casalingo con il Carpi, sono intervenuti entrambi i fattori nel decretare un\’altra sconfitta per i rossoneri, un 3-1 che non ammette repliche, soprattutto alla luce di quanto visto nella seconda metà della gara. Nei primi 45 minuti il Lanciano si è infatti comportato bene. Propositivo, volitivo, capace di andare in vantaggio già all\’8’ minuto di gioco, con Troest rapido a insaccare una respinta del portiere ospite su punizione di Mammarella. La prima mezz\’ora è tutta dei rossoneri, che sfiorano anche il raddoppio in un paio di occasioni, ma vengono puniti al 22’, quando Memeshaj supera di precisione Aridità. Eppure i ragazzi di Baroni non mollano, ed al 35’ solo il palo nega il nuovo vantaggio. Gol sbagliato gol subito: oramai una maledizione per l\’undici frentano, che puntualmente va sotto, pochi minuti dopo, subendo la rete di Letizia. Nemmeno il tempo di riscaldare le gambe dopo l\’intervallo, che il Carpi infila la terza rete, ed il match finisce lì, al 54’, proprio quando la Virtus avrebbe dovuto imbastire il forcing necessario per il pareggio. I rossoneri perdono carica, gli emiliani giocano sul velluto, e la partita si avvia così verso un risultato che forse punisce oltremodo un Lanciano comunque non esente da critiche, perché troppo sensibile alle ripartenze ed agli affondi degli ospiti. E perché non può bastare la sfortuna a spiegare un periodo così avaro di soddisfazioni.