venerdì 19 gennaio 2018
Home / Calcio / Lanciano / Le isole felici della B

Le isole felici della B

- 27 novembre 2013

Dopo 3 giornate è troppo presto. Dopo 6, idem. Dopo 10, beh, meglio non sbilanciarsi. Nemmeno dopo 13 partite. E dopo 15? Stesso banale discorso? Ok, fatelo. Ma non sarebbe giusto nei confronti di chi sta davvero impressionando in questa serie B. Empoli, Lanciano e Crotone. Non solo loro, ma loro più di altri. I toscani vorrebbero centrare l\’obiettivo promozione. Abruzzesi e calabresi non lo hanno certo in programma. Nessun dubbio. Ecco le isole felici della serie B. Felici e sorridenti come la presidentessa della Virtus Lanciano Valentina Maio, specchio fedele di una compagine ben allestita dal Ds Luca Leone, che con il 2-0 al Varese ha dimostrato di saper reagire alle sconfitte con Modena ed Empoli. Per fortuna dei frentani, non era mai successo di perdere fino al ko firmato Babacar (in fuorigioco…). Tutti aspettavano al varco i rossoneri d’Abruzzo. Che sabato scorso, pur soffrendo nei primi 45’, hanno colpito e portato a casa la vittoria. E’ vero che il torneo è ancora lunghissimo, e che il difficile sarà confermarsi ai vertici. Ma la bontà del lavoro di Baroni ec va assolutamente messa in risalto. Così come accade, del resto, a Empoli e Crotone. Coast to coast nella penisola per trovare 2 isole di bel calcio, unito ai punti. 30 quelli dei toscani, che hanno sì confermato la coppia gol dei sogni Maccarone-Tavano, ma che al contempo hanno messo in vetrina un talento come Verdi (gran gol contro lo Spezia) al posto del partente Saponara. Non ci sono invece più aggettivi per descrivere il Crotone di Drago: gol e spettacolo nascono dai piedi vellutati di Bernardeschi e Bidaoui. Sulle 3 isole felici della serie B è senz’altro presto per dare un giudizio definitivo. Il pallone è strano e tutto potrà ancora succedere. Ma per il momento, chi vorrà gustarsi un po’ di bel calcio sa bene chi potrà accontentarlo.