venerdì 24 novembre 2017
Home / Calcio / Serie B / Quando un esonero non basta

Quando un esonero non basta

- 3 dicembre 2013

Sedici partite, da fine agosto a fine novembre, sono poche per tirare il bilancio di un progetto tecnico iniziato in estate. Eppure, nel calcio italiano spesso sono un\’eternità. E non tutti gli allenatori hanno la fortuna di azzeccare le mosse o di poter contare su dirigenze pazienti e assennate. Il malcostume di ricorrere all\’esonero al primo spiffero di vento resta quindi il fantasma con cui i tecnici devono imparare a convivere. Fin dal ritiro precampionato. In serie B, finora, hanno cambiato guida tecnica diverse società. Il Latina ha sicuramente azzeccato la mossa, trovando in Breda l\’uomo giusto al momento giusto. Stesso dicasi per il Palermo, che ha trovato in Iachini la macchina da punti che serve a placare le smanie di Zamparini. Fermandosi alla prima impressione, anche il Varese ha dato il via ad un nuovo corso con Carmine Gautieri al posto di Sottili. Ma vogliamo parlare di Reggina e Novara? I calabresi mandano a casa Atzori per puntare su Castori: in cassa, dopo sei partite, l\’ex tecnico del Lanciano porta solo due pareggi. Con quattro ko pesanti e un penultimo posto da incubo nell\’anno del centenario. La risposta è solo una: la Reggina, al momento, è scarsa, troppo scarsa, per potersi salvare. Pea alla Juve Stabia parte con una sconfitta, e anche per lui vale il discorso fatto per i calabresi… Diverso il discorso del Novara, che un organico degno della categoria almeno ce l\’ha. Ma prima i piemontesi investono su Aglietti (triennale, roba d\’altri tempi), poi lo mandano via, cambiando anche il ds. Arriva Calori, e porta un punto in due gare. Se l\’ex allenatore del Portogruaro sarà in grado di svoltare, ce lo dirà il girone di ritorno, dopo la rivoluzione di mercato. A Padova, Mutti pareggia tre partite di fila, la vittoria è ancora lontana e la classifica piange. Anche lui ci proverà ricorrendo al mercato. Troppo facile, così sarebbero stati capaci anche i loro predecessori. La verità è che l\’esonero non paga, quando la squadra nasce male, o nasce senza gli attributi. RISULTATI: Empoli – Brescia 2 – 2 Latina – Juve Stabia 1 – 0 Modena – Siena 1 – 1 Padova – Crotone 0 – 0 Palermo – Novara 2 – 1 Pescara – Carpi 4 – 2 Reggina – Spezia 1 – 2 Trapani – Lanciano 1 – 0 Varese – Cittadella 2 – 1 Avellino – Cesena 0 – 0 Bari – Ternana 2 – 1 CLASSIFICA: Empoli31 Palermo30 Lanciano29 Avellino28 Crotone27 Latina26 Cesena25 Varese23 Spezia23 Pescara22 Siena21 Modena21 Trapani21 Carpi17 Brescia17 Bari17 Cittadella16 Ternana15 Novara14 Padova13 Reggina13 Juve Stabia7