venerdì 19 gennaio 2018
Home / Calcio / Serie D / Giulianova in rampa di lancio, futuro oscuro per il Sulmona

Giulianova in rampa di lancio, futuro oscuro per il Sulmona

- 30 novembre 2013

“Quella di domenica sarà la nostra ultima partita”. I giocatori del Sulmona sono stati chiari. Gli ovidiani affronteranno la Maceratese (si giocherà ad Avezzano per l’impraticabilità del Pallozzi, ancora ricoperto dalla neve), ma poi molti di loro diranno basta. Dopo l’addio del gruppo romano e il silenzio del presidente Scelli, i biancorossi hanno deciso di gettare la spugna: impossibile lavorare in una situazione del genere. Un vero peccato, considerando che, in questa prima parte di campionato, il Sulmona – come conferma il secondo posto – ha dimostrato di potersela giocare alla pari con chiunque. Ora sorge una domanda: che ne sarà del Sulmona? Dopo settimane di silenzio assordante, la risposta può darla solo Maurizio Scelli. Perché la stragrande maggioranza dei giocatori è a un passo dall’addio e il futuro, a questo punto, è un rebus. È un periodo positivo, invece, per il Giulianova. La situazione societaria non è stata ancora risolta definitivamente, ma la squadra di Donato Ronci continua a scalare la classifica. L’impresa sul campo della capolista Ancona è stata la ciliegina sulla torta in un avvio di stagione più che positivo. Ora l’obiettivo è dare continuità ai risultati, confermando quanto di buono fatto sul prato del Fadini: stavolta arriva la Jesina. Il Celano vuole cancellare in fretta lo scivolone di Agnone. Un passo falso inaspettato, che ha messo ancora una volta in evidenza i troppi alti e bassi della formazione marsicana. Ecco perché il tecnico Luigi Morgante chiede ai suoi ragazzi di voltare pagina fin dalla sfida interna con il Matelica. È un momento delicato per l’Amiternina: l’immeritata sconfitta casalinga con la Fermana ha fatto scivolare la squadra di Vincenzino Angelone in una posizione di classifica tutt’altro che tranquilla. Una vittoria a Fano permetterebbe agli aquilani di sorpassare proprio i marchigiani. Penultima in classifica con appena sei punti all’attivo, la Renato Curi Angolana è ancora a caccia del primo successo stagionale. La squadra di Giuseppe Donatelli, che ha preso il posto di Luciano Miani, è attesa da una trasferta durissima a Civitanova Marche.