martedì 21 novembre 2017
Home / Calcio / Serie D / Il Sulmona è terzo, l’Angolana precipita

Il Sulmona è terzo, l’Angolana precipita

- 10 dicembre 2013

Il Sulmona non si ferma. Alla faccia di una situazione societaria che definire paradossale e imbarazzante sarebbe riduttivo. Sul campo della Recanatese allenata da Daniele Amaolo, vecchia conoscenza del calcio abruzzese, gli ovidiani hanno il merito di concretizzare al massimo le palle-gol costruite. Di contro, i padroni di casa sciupano tantissimo e alla fine restano solo i rimpianti. La squadra di Antonio Mecomonaco, che con questi tre punti sale al terzo posto, comincia la gara nel migliore dei modi. Sì, perché Marangon sblocca la gara dopo pochi minuti e tutto diventa più facile. Il raddoppio di Bordoni arriva in avvio di ripresa e, a quel punto, il risultato è blindato. Il gol di Cianni non cambia la sostanza. Il Giulianova perde la sfida al vertice con la Maceratese e scivola al quinto posto. Una prestazione tutto cuore dei ragazzi di Donato Ronci non basta per arrestare la corsa dei marchigiani, che così si piazzano al secondo posto alle spalle della capolista Ancona. Una cosa è certa: se i giallorossi avessero pareggiato, alla luce di una reazione importante, non avrebbero rubato assolutamente nulla. Vince e convince l’Amiternina, che supera tra le mura amiche un Termoli sempre più in crisi. Grazie alle due reti realizzate dai fratelli Dawid e Lukasz Lenart gli aquilani escono dalla zona play-out. E pensare che la settimana dell’Amiternina non era stata facile, considerando che l’esperto Pedalino si è trasferito a Monopoli. E’ un pari importante quello strappato dal Celano sul campo della Vis Pesaro. Sì, perché i marsicani, sotto di due gol, hanno il merito di crederci fino alla fine e di rimontare negli ultimi sei minuti. E si tratta di una vera e propria impresa, visto che i biancazzurri avevano subito il gioco dei padroni di casa per più di un’ora. Ancora una sconfitta per la Renato Curi Angolana, che perde sul campo del Matelica. D’accordo, anche stavolta, sul piano del gioco, i pescaresi dimostrano di non meritare l’attuale classifica. Ma la verità è che il tempo degli applausi è finito da un pezzo: ora servono risultati concreti per evitare di rendere drammatica una situazione già complicatissima. Anche perché finora, almeno sul piano della classifica, il cambio alla guida tecnica – con l’arrivo in panchina di Giuseppe Donatelli – non ha dato la svolta che società e tifosi si aspettavano. Risultati Serie D girone F. Amiternina-Termoli 2-0, Ancona-Isernia 3-1, Bojano-Fermana 0-9, Jesina-Fano 3-0, Maceratese-Giulianova 3-2, Matelica-Renato Curi Angolana 3-1, Olympia Agnonese-Civitanovese 1-0, Recanatese-Sulmona 1-2, Vis Pesaro-Celano 2-2. Classifica. Ancona 33, Maceratese 29, Sulmona 28, Matelica 27, Giulianova 26, Termoli 24, Jesina 24, Vis Pesaro 23, Fermana 22, Civitanovese 22, Amiternina 19, Fano 18, Celano 18, Recanatese 15, Olympia Agnonese 14, Isernia 10, Renato Curi Angolana 6, Bojano 3.