mercoledì 22 novembre 2017
Home / Calcio / Serie D / L’Angolana riparte da Donatelli: «Serve razionalità»

L’Angolana riparte da Donatelli: «Serve razionalità»

- 6 novembre 2013

Ieri pomeriggio è tornato in pista dopo una lunga assenza. Giuseppe Donatelli si è presentato al Comunale di Città Sant’Angelo per dirigere il primo allenamento da tecnico della Renato Curi Angolana e ha trovato una situazione felicemente insolita. Ad attenderlo, oltre ai giocatori, c’era anche Luciano Miani, il suo predecessore nonché amico di lungo corso. «Lui è entrato con me negli spogliatoi e ha salutato i ragazzi, poi io mi sono presentato. Abbiamo parlato a lungo perché la stima reciproca è immutata dopo tanti anni di sincera amicizia. Una situazione che raramente si vede nel calcio. Miani sa come vanno le cose e sa quanta voglia abbia il sottoscritto. Io so come ci si sente dopo un esonero e lo rispetto molto», racconta Donatelli. Miani è stato confermato dal presidente Bankowski come responsabile del settore giovanile: il tecnico resta nella famiglia nerazzurra. «Mi sono piaciuti anche i ragazzi, nel modo in cui hanno salutato il tecnico uscente e per come mi hanno ascoltato fin questo primo giorno», dice ancora il pescarese Donatelli, reduce da un’esperienza di cinque anni a Miglianico e da una breve parentesi alla guida della Primavera del Lanciano. «Il calcio è la mia vita, è una vita che faccio questo mestiere e il campo mi mancava troppo. Quando l’Angolana mi ha chiamato, non ci ho pensato su due volte e ho accettato la sfida. Questo lavoro lo faccio con amore, anche se durante questa sosta forzata ho riflettuto molto su come vanno le cose nel calcio di oggi». Adesso inizia la sfida salvezza della società angolana, che ricomincia da Donatelli per inseguire una difficile salvezza. «Partiamo dal prossimo derby di domenica contro il Celano, squadra tosta e scorbutica, che gioca un buon calcio. Ai miei chiedo razionalità: abbiamo bisogno di tornare a fare punti, dobbiamo scendere in campo sapendo bene cosa fare. Per me sarebbe un sogno centrare l’obiettivo di aiutare questa società a conservare il posto in serie D».