venerdì 24 novembre 2017
Home / Calcio / Serie D / Sulmona-Civitanovese a porte chiuse

Sulmona-Civitanovese a porte chiuse

- 9 novembre 2013

Un’altra vittoria, l’ennesima, per dimostrare che sì, il Sulmona può puntare in alto. È l’obiettivo dei ragazzi di Antonio Mecomonaco alla vigilia della sfida con la Civitanovese (11esima giornata di serie D). Si giocherà, a porte chiuse, al Riviera delle Palme di San Benedetto del Tronto, perché il giudice sportivo ha squalificato lo stadio dei marchigiani. La squadra costruita dal ds teatino Omar Troverello è al terzo posto come gli ovidiani. Che stanno attraversando un periodo molto positivo, come confermano le tre vittorie consecutive. Tre punti più giù, il Giulianova è atteso da una trasferta abbordabile: i giallorossi affronteranno il Bojano, reduce da otto sconfitte consecutive, che domenica scorsa è stato umiliato dall’Ancona (è finita 8-0). Dopo essersi sbarazzata senza troppi problemi di un’altra molisana, l’Agnonese, la squadra di Donato Ronci è a caccia della prima vittoria casalinga della stagione lontano dal Fadini. Insomma: se il Giulianova vuole essere davvero protagonista, è arrivato il momento di sfatare anche questo tabù. Tra le sfide più attese c’è pure il derby di Città Sant’Angelo: la Renato Curi Angolana se la vedrà con il Celano. È la prima sfida dopo l’addio dell’allenatore Luciano Miani: il suo posto è stato preso da Giuseppe Donatelli. La speranza della società nerazzurra è che il cambio alla guida tecnica possa dare alla squadra la scossa giusta. Quel che è certo è che, in casa Angolana, serve al più presto una svolta per lasciarsi alle spalle un avvio di stagione infernale (i pescaresi non hanno mai vinto) e migliorare una classifica da incubo (l’ultimo posto fa sempre più paura). È un periodo un po’ delicato anche per il Celano, che arriva da due ko di fila. La trasferta di Isernia è un appuntamento da non fallire per l’Amiternina, che non vince da cinque partite e sul campo della penultima in classifica non può davvero sbagliare.