venerdì 24 novembre 2017
Home / Calcio / Talento e gol: la rincorsa di Samuele Spano (VIDEO)

Talento e gol: la rincorsa di Samuele Spano (VIDEO)

- 13 dicembre 2013

Il calcio, talvolta, fornisce una seconda opportunità, specie se il talento non manca e l’età è ancora quella giusta per poter spiccare il volo. Samuele Spano, classe 1994 in forza all’Arzachena, ha già lasciato la sua isola per provare ad imporsi nel calcio che conta. L’anno scorso faceva parte della Primavera del Pescara targata Bucchi, in prestito con diritto di riscatto, ma a fine stagione è tornato ad Arzachena. Un infortunio nel momento topico della stagione non gli ha permesso di imporsi in Abruzzo. Il club biancazzurro ha poi fatto altre scelte, ma Samuele non si è perso d’animo. A giugno era tutto fatto con l\’ambizioso Brindisi, poi si è deciso di restare in Sardegna. E sul campo sta dimostrando di meritare una vera chance nel calcio professionistico. Come? A suon di gol (7 in 14 presenze) e di prestazioni d’autore. «Ha una straordinaria voglia di emergere, una grande forza d\’animo che gli ha permesso di ricominciare dove aveva lasciato. Nel 90 per cento dei casi, situazioni come la sua vengono vissute come una bocciatura, lui l\’ha presa senza traumi. Si è rimesso nuovamente in discussione in D, nella sua città, per avere la sua personale rivincita e tornare prestissimo nel calcio che conta. Si tratta di un ragazzo umile, molto serio e che non molla mai di un centimetro», dichiara l’Agente Fifa Donato Giampietro, che segue l’atleta nel suo percorso di crescita. Le sue performance, in effetti, non stanno passando inosservate. Con la sua squadra, inserita nel Girone G in Serie D, si sta imponendo come uno dei talenti emergenti dell’intera categoria e dalle serie superiori sono già tanti i club ad aver chiesto informazioni. Nel nuovo anno parteciperà con ogni probabilità al Torneo di Viareggio – il cosiddetto Mondialino per Club del calcio giovanile – con la maglia della Rappresentativa di serie D. Negli ultimi 3 raduni, infatti, è sempre stato precettato ed i selezionatori lo tengono in grande considerazione. Non male per uno che ha esordito in D a 15 anni e mezzo e che vi è tornato per rilanciarsi. «Nel Pescara agiva da esterno nel 4-4-2 o nel 4-2-3-1», continua Giampietro, «nell\’Arzachena ha trovato collocazione qualche metro più avanti, agendo spesso da seconda punta, Può fare indifferentemente tutti e tre i ruoli dietro la punta nel 4-2-3-1, oppure la seconda punta o l\’esterno nel 4-4-2, insomma. La sua duttilità è un punto di forza: è destro, può giocare sia sulla corsia di destra che quella sinistra e ha una facilità di corsa eccezionale. Sono in tanti ad avergli messo gli occhi addosso come giusto che sia. L\’importante è concludere la stagione nell\’Arzachena nel migliore dei modi contribuendo al raggiungimento dell\’obiettivo salvezza, poi troveremo insieme una giusta collocazione che possa fargli compiere l\’ulteriore passo di crescita. Dove può arrivare Samuele Spano? Non è possibile saperlo, ma una cosa è certa: l\’anno prossimo, dopo l\’esperienza con la Primavera del Pescara, tornerà tra i professionisti. Per restarci». (GUARDA IL VIDEO)