giovedì 14 dicembre 2017
Home / Calcio / Top&Flop Lanciano: una grande Virtus espugna Salerno, Di Francesco in copertina

Top&Flop Lanciano: una grande Virtus espugna Salerno, Di Francesco in copertina

- 12 marzo 2016
Super DiFra capocannoniere Virtus con 6 gol. Oggi decisivo a Salerno

Super DiFra capocannoniere Virtus con 6 gol insieme a Ferrari. Oggi doppietta spettacolare a Salerno.

TOP – La partita perfetta. Quella che la Virtus gioca in trasferta all’Arechi di Salerno davanti 15mila spettatori è la partita perfetta di una squadra che vuole salvarsi a discapito dell’avversaria. Il peso specifico di questa vittoria va ben oltre i tre punti conquistati con merito e lo spettacolo offerto all’Arechi. Tre tiri, tre gol: la Virtus è diventata cinica, bada al sodo e con Maragliulo ha raccolto 16 punti in 7 partite, conquistando una posizione di classifica impensabile solo un mese fa. La copertina è tutta per Di Francesco, un giocatore straordinario esploso definitivamente nel ruolo che lo vede pendolino tra l’attacco e il centrocampo: sei gol per lui, come Ferrari, che segna il rigore conquistato sempre da Di Francesco, con freddezza. Ma se il DiFra può portarsi a casa il pallone della sua prima doppietta in serie B (bellissimo il primo gol di tacco) e la Virtus la seconda vittoria in trasferta del 2016 molto lo si deve ad Alessio Cragno, straordinariamente decisivo anche oggi con i suoi interventi. Il ritornello è sempre lo stesso: chissà dove sarebbe ora la Virtus se Cragno fosse arrivato in estate.

FLOP – La partita perfetta non dovrebbe contemplare flop. Ma la fase difensiva in alcuni frangenti del match ha sofferto l’iniziativa della Salernitana. Nel primo tempo la Virtus si salva grazie a Cragno, al solito palo e all’imprecisione degli attaccanti avversari. Sul gol di Donnarumma, ex di turno, la linea difensiva non è messa bene ed evidenzia la non perfetta intesa tra Rigione ed Amenta. A destra non brilla Aquilanti, spesso in difficoltà da terzino quando è stato attaccato in velocità. A centrocampo qualche errore di troppo da parte di Vitale: partita in chiaroscuro per lui, ma comunque sufficiente.