sabato 16 dicembre 2017
Home / Calcio / Top&Flop Pescara: giocatori e staff, ingenuità pagate a caro prezzo

Top&Flop Pescara: giocatori e staff, ingenuità pagate a caro prezzo

- 28 novembre 2016

TOP Ledian Memushaj: ci mette il cuore e nella ripresa trova il gol che riapre i giochi. Simone Pepe: Titolare in una partita difficilissima, si muove su tutto il fronte offensivo e finisce la gara dopo aver dato tutto, meriterebbe un gol che il portiere giallorosso gli nega con un mezzo miracolo. Gaston Brugman: nel secondo tempo sale in cattedra e brilla in fase di transizione, rubando palloni e riciclandoli per le punte come solo l’uruguagio in questa squadra sa fare.

FLOP Cristiano Biraghi: nell’analisi di una partita in cui il secondo tempo di tutti i giocatori del Pescara è valso come redenzione (o quasi) degli stessi, va dato un peso particolare agli errori singoli. Perde Dzeko in occasione del primo gol ed è un errore di marcatura che un difensore non può commettere. Alessandro Crescenzi: idem. Il fallo da rigore su Perotti è di una ingenuità colossale. Infine, lo staff sanitario del Pescara: facile parlare a posteriori, lo sappiamo. Ma se Bahebeck si rompe al primo scatto appena accennato del match, vanificando così la sua presenza nelle prossime importantissime gare, una scelta più oculata poteva senz’altro essere fatta.