domenica 28 maggio 2017
Home / Calcio / Top&Flop Pescara: la lunga lista delle delusioni…

Top&Flop Pescara: la lunga lista delle delusioni…

- 11 dicembre 2016

CROTONE-PESCARA: L’ANALISI DELLA CRISI BIANCAZZURRA

 

Dopo una partita del genere, dopo una sconfitta del genere, non esistono Top. Esiste soltanto una lunga lista di delusioni.

  • AQUILANI Delusione con la D maiuscola per il giocatore di maggior blasone dell’intera rosa, partito in sordina, capace poi di illudere con un paio di buone prestazioni e un gol, infine finito ai margini del progetto tecnico con tanta panchina e l’apice negativo a Crotone, con un rosso evitabile nel match più delicato.
  • MEMUSHAJ Capitano senza coraggio con gambe che dal dischetto iniziano a tremare. Altro errore su un penalty dallo stesso albanese procurato. E stavolta l’errore pesa. Un rigore calciato malissimo, che compromette poi la prestazione del centrocampista, troppo nervoso e impreciso.
  • VERRE Lo avevamo etichettato come possibile uomo chiave della partita, per talento e imprevedibilità in alcuni colpi. Ma il Verre tornato dall’infortunio è un giocatore ben diverso da quello ammirato nella scorsa stagione. Quasi impalpabile.
  • LA DIFESA Un reparto imbarazzante, sia nei singoli che nel collettivo. Zampano è lontano parente dello stantuffo conosciuto in riva all’Adriatico, Crescenzi è un mix di foga e ingenuità per larghi tratti della partita, Gyomber prende un giallo per un’entrata scellerata e senza senso, mentre Campagnaro torna a far vedere le due facce di una stessa medaglia, procurando il rigore e poi segnando il gol del momentaneo pareggio, nell’ambito di una performance personale non certo esaltante.
  • SOCIETA’ Il Pescara è una squadra non strutturata per la serie A. Lo diciamo e lo scriviamo dalla terza giornata, oggi forse se ne sono accorti un po’ tutti.