lunedì 26 giugno 2017
Home / Ciclismo / Race Across Italy: trionfa Diseviscourt, si ritira Di Felice

Race Across Italy: trionfa Diseviscourt, si ritira Di Felice

- 26 aprile 2016

Il-vincitore-Ralph-Diseviscourt-1Si è disputata nel weekend, dal 23 al 24 aprile, la gara internazionale di ultracycling che ha visto sulla pedana di partenza atleti di ben 16 Nazioni.

Il percorso, di 815 km, si è districato tra le tre regioni: Abruzzo, Lazio e Molise, la competizione è stata resa ancora più difficile causa le proibitive condizioni meteo che hanno messo a dura prova gli atleti.

La corsa si è caratterizzata sin dai primi chilometri, già sull’altopiano delle Rocche, quando vento forte, freddo e poi grandine si sono riversati sui primi atleti; il lussemburghese Ralph Diseviscourt è andato subito in testa sin dalla prima Time Station di Capistrello, vantaggio che ha mantenuto fino al giro di boa nella Città di Nettuno, registrando una una media percorrenza di circa 32 km/h.

Rammarico per l’atleta italiano, vincitore della scorsa edizione , Omar Di Felice che causa caduta è stato costretto al ritiro forzato dopo aver percorso oltre metà della gara nelle prime posizioni, il suo abbandono ha profilato un avvincente battaglia per la conquista di una posizione in podio fra lo Sloveno Marko Baloh e lo svizzero Friedrich Dahler.

Il passaggio notturno, fra Venafro fino alla ultima Time Station di Scanno, è stato il crocevia della competizione, qui i ciclisti hanno dovuto fare i conti con le avverse condizioni climatiche estreme, temperature prossime allo zero e nevischio; causando difatti la maggior parte dei ritiri.

A salire sul gradino più alto della Race Across Italy 2016 è stato l’atleta del Lussemburgo Diseviscourt, che ha superato brillantemente tutte le Time Station, pedalando senza sosta e da ciclista da altri tempi tra i nostri stupendi paesaggi come le gole del Sagittario, le svolte di Popoli e L’Aquila Città, il passo delle Capannelle e concludendo in 28h e 08m il percorso di 815km, circa il doppia di una Tirenno-Adriatico.

Dietro di lui, al secondo posto, lo svizzero Friedrich Dahler e terzo, lo sloveno Marko Baloh. Tra gli italiani in gara con il miglio piazzamento Martin Bergmeister, e vincitore della categoria over 50.