giovedì 23 novembre 2017
Home / Motori / Lotus-Kovalainen: come l’avrà presa Valsecchi?

Lotus-Kovalainen: come l’avrà presa Valsecchi?

- 15 novembre 2013

Come l’avrà presa Valsecchi? Terzo pilota che diventa il quarto. O forse il quinto. Invisibile. La storia è nota e sta facendo discutere. Kimi Raikkonen, pilota Lotus che ha già firmato (e comunicato ufficialmente) con la Ferrari per la prossima stagione, anticipa la già preventivata operazione alla schiena. Per il finale di campionato, la scuderia inglese potrebbe, pardon, “dovrebbe” puntare sull’italiano, che nel cv personale vanta la vittoria in un campionato Gp2 oltre a buone performance nei test pre-gara. Nada. Valsecchi scavalcato da una quarta scelta, Niko Hulkenberg, pilota Sauber non pagato (dalla Sauber, appunto). Si può fare? A quanto pare sì. La Lotus sta lottando per il Mondiale Costruttori. Vuol strappare la terza posizione alla Ferrari. Ha bisogno di un driver competitivo, e punta su Niko. Ecco allora l’indiscrezione, piuttosto maligna, ma riportata dalla Bild (LEGGI QUI): la Scuderia di Maranello avrebbe riempito il conto in banca del pilota tedesco, in virtù dei buoni rapporti commerciali tra le due case automobilistiche, per impedire alla Lotus di assumere un pilota “troppo concorrenziale”. Si può fare? A quanto pare, anche questo sì. Hulkenberg, infatti, ha rifiutato. Al volante ci andrà Heikki Kovalainen, pilota accreditato ma praticamente fermo da un anno. Più che riflettere sulla veridicità dell’accaduto e sull’attendibilità delle voci descritte, resta da annotare un pronunciato pessimismo sul futuro della Formula Uno. Uno sport che a detta di una larga fetta di appassionati, sta perdendo la credibilità dei tempi migliori. Storie come queste non aiutano certo a respingere la sempre più dilagante cultura del sospetto.