venerdì 26 maggio 2017
Home / Pallanuoto / Il Club Aquatico Pescara non si arrende: vuole la B

Il Club Aquatico Pescara non si arrende: vuole la B

- 28 luglio 2016

carlo zicolella portiereIl Club Aquatico Pescara ha inviato alla FIN (Federazione Italiana Nuoto) la domanda di ripescaggio in serie B e si sta preparando al salto di categoria con l’ingaggio di alcuni atleti di prestigio. Il presidenteRiccardo Fustinoni ha preso il portiere Carlo Zicolella, classe ‘95 nato a Pescara, fino a due anni fa è stato tesserato con la Pescara Pallanuoto giocando come titolare in serie B, lo scorso anno ha prestato servizio al corpo della Marina. Il secondo atleta è Mattia De Ioris, classe ‘94 nato pure lui a Pescara, ha giocato pure lui due anni fa nella Pescara Pallanuoto e lo scorso anno ha avuto un’esperienza in un club spagnolo.

Soddisfatto il presidente Fustinoni che la scorsa settimana ha presentato in Provincia il campione olimpicoMarco D’Altrui, con un passato glorioso alle spalle ed entrato a far parte dello staff tecnico del Club Aquatico, a lui è stato affidato il progetto progetto Swim&Play nella Piscina Provinciale. D’Altruiaffiancherà mister Vasko Vuckovic, impegnato attualmente nelle Olimpiadi di Rio de Janeiro con la nazionale del Montenegro.

“Il nostro obiettivo è quello di tornare in serie B – dice Fustinoni – , ma con un organico competitivo per questo ci siamo rinforzati con due giocatori, che grazie alle loro qualità, saranno determinanti. Il Club Aquatico Pescara non ha smesso mai di lavorare e abbiamo organizzato diverse attività sulla spiaggia e nelle piscine, dove continueremo anche il mese di agosto. Sabato e domenica siamo impegnati all’Orsa Maggiore nel Bluster Village con tutta la squadra e i vari ragazzi delle varie categorie con nuoto, sincro e pallanuoto.

La società sta lavorando per strutturarsi in maniera migliore visto che i numeri stanno crescendo in maniera esponenziale, senza dimenticare la nostra mission: disciplina, educazione e spirito d aggregazione prima dello sfrenato agonismo. I risultati agonistici saranno il frutto di questa impostazione”.