giovedì 14 dicembre 2017
Home / Pallanuoto / Club Aquatico, il nuovo progetto parte dalla… piscina

Club Aquatico, il nuovo progetto parte dalla… piscina

- 25 maggio 2016

Finalmente dopo 10 anni il Club Aquatico Pescara trova una base da cui poter sviluppare il proprio progetto sportivo, multidisciplinare e che finora non ha mai trovato la disponibilità in altre strutture. Grazie alla recente acquisizione tramite bando di gara della piscina provinciale di Pescara, il progetto portato avanti in questi anni dalla società pescarese potrà proseguire sia con le attività agonistiche della FIN (Federazione Italiana Nuoto) con i campionati di Pallanuoto di serie B, le partecipazioni ai campionati italiani nel nuoto sincronizzato ed un ottima squadra giovanile di nuoto  sia con quelle della FINP (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico), con una atleta che parteciperà ai prossimi campionati Italiani per disabili.

“Il Club Aquatico Pescara, ad oggi è senza dubbio la società di riferimento nel panorama natatorio della città  – spiega il presidente Riccardo Fustinoni – e condividerà la nuova gestione della piscina provinciale con le migliori realtà sportive della regione come il Club L’Aquila Nuoto, che risulta per la sua storia la società di nuoto più anziana della regione e la Uisp Abruzzo e Molise, che per organizzazione sul territorio è un indiscusso punto di riferimento. Insieme vogliamo anche dare un segnale diverso nell’hinterland come modalità di gestione della struttura, ovvero un taglio meno commerciale e più orientato al sociale mettendo in rilievo l’aspetto della formazione dello sport nei giovani e senza distinzione di classe, età e categorie sociali. Da questo obiettivo nasce la “Piscina per tutti” che si concretizza con un piano di tariffe contenute ed una proposta multidisciplinare ovvero: nuoto, pallanuoto, nuoto sincronizzato, salvamento, nuoto per disabili e triatlhon. Lo staff tecnico pronto a tutti i livelli verrà ampliato con gruppo di allenatori, nuovi tecnici FIN, FINP, FITRI e con l’inserimento di nuove figure di profilo elevato per un programma tecnico pluriennale. Da questo nuovo progetto partiranno diverse opportunità di lavoro, di crescita per studenti del liceo sportivo e con proposte specifiche in ambito del salvamento. Non tralasceremo degli importanti obiettivi organici, che perseguiamo ricreando un ambiente fertile prendendo esempio dai campioni che hanno portato in alto il nuoto e la pallanuoto, all’interno della società ci saranno infatti atleti che in passato sono stati motivo di vanto per la città e per tutto lo Stivale”.