martedì 12 dicembre 2017
Home / Rugby / Mercier e Niculae ringraziano L’Aquila Rugby: “Vi aspettiamo in Francia”

Mercier e Niculae ringraziano L’Aquila Rugby: “Vi aspettiamo in Francia”

- 24 dicembre 2014

Positivo lo stage dei due tecnici in Abruzzo

 

L'Aquila Rugby

L’Aquila Rugby

Sono stati ospiti dell’Aquila Rugby Club una settimana, per uno stage con la società neroverde. Ludovic Mercier e Dragos Gabriel Niculae, tecnici di esperienza internazionale, primo allenatore e allenatore degli avanti dei francesi Sco Rugby Angers, hanno affiancato lo staff tecnico dell’Aquila Rugby Club, guidato da Massimo Di Marco e Massimo Alfonsetti. E hanno accompagnato la squadra anche a Prato, per la delicatissima sfida con i Cavalieri, vinta dai neroverdi per 24 a 15.

“Abbiamo passato una bella settimana a L’Aquila e vogliamo ringraziare lo staff tecnico e tutti i ragazzi per l’atteggiamento che hanno avuto”, ha sottolineato Ludovic Mercier che ha avuto un passato da giocatore glorioso, con Béziers, Grenoble, Gloucester, Petrarca Padova e Aironi.

“Per noi è stata una bellissima esperienza, conclusa con l’importante vittoria di Prato. Una vittoria che farà bene e darà una scossa a tutto l’ambiente. La squadra ha una grande voglia di crescere, di lavorare: certo, ci sono ancora delle cose da migliorare ma lavorando si possono raggiungere ottimi risultati. La partita vinta a Prato deve essere un punto partenza, non certo d’arrivo: i ragazzi dovranno continuare a lavorare duro, come hanno fatto in questa settimana”.

Mercier spera che l’esperienza con lo staff tecnico dell’Aquila Rugby Club possa ripetersi, in futuro, “magari ospitandoli in Francia. Sarebbe un piacere”. L’allenatore dei Sco Rugby Angers non ha mancato di ricordare gli anni trascorsi in Italia: “E’ sempre una bella emozione tornare in Italia. Ho giocato qui quattro anni, dunque è stato facile dire si all’offerta arrivata dall’Aquila Rugby. Ringraziamo ancora tutti, la società, lo staff tecnico e i ragazzi, per come ci hanno accolto e per il lavoro fatto insieme”.