lunedì 26 giugno 2017
Home / Rugby / Rugby a 13, sta per nascere l’Italia femminile

Rugby a 13, sta per nascere l’Italia femminile

- 9 novembre 2016

tarducci-marcoSi avvicina a grandi passi il super evento del test match della Nazionale italiana di rugby a 13 costruita dalla Lega Italiana Rugby Football League (Lirfl): il prossimo 20 novembre a Campi Bisenzio gli azzurri si troveranno ancora una volta di fronte a BARA per una partita che s’annuncia estremamente avvincente. Ma intanto la Lirfl continua a lavorare per crescere e in questa ottica il consiglio federale di oggi formalizzerà un’idea davvero molto affascinante: sta per nascere, infatti, la Nazionale di rugby a 13 femminile che sarà affidata al nuovo commissario tecnico Marco Tarducci e al suo vice Alessandro Marozzi. Il toscano Tarducci, personaggio di grande spessore che da tantissimo tempo gravita nel mondo della palla ovale, è stato scelto come il tecnico giusto per far muovere i primi passi ad un movimento davvero “promettente”. «Inizialmente pescheremo molto dal mondo del “Seven”, visto che a livello di velocità le due “specialità” della palla ovale sono abbastanza simili – spiega Tarducci – Poi contiamo sulla collaborazione dei vari comitati regionali per la segnalazione di ragazze che possano far parte del nostro progetto anche se abbiamo già cominciato a guardarci intorno, riscontrando un entusiasmo davvero notevole nelle varie atlete. Se poi qualche sponsor volesse sostenere questa idea, avremmo modo di accelerare i tempi per la crescita di questo movimento». L’idea è nata qualche mese fa proprio dalla forte volontà espressa dal presidente Pierluigi Gentile e dallo stesso Tarducci e già è stato nominato un nuovo capitano dell’Italrugby league femminile. Si tratta di Alessandra Dell’Orso, impiegata nella vita di tutti i giorni e mediano in forza alle aquilane delle Belve Neroverdi. «Una ragazza che incarna bene lo spirito del movimento che vogliamo far partire – dice Tarducci – In futuro, poi, l’obiettivo sarà quello di affiancare ai test match degli uomini anche quelli della Nazionale femminile e magari anche di creare un campionato di rugby a 13 “in rosa” perché il talento tra le donne non manca affatto». La neonata Italia del rugby a 13 femminile (come anche gli azzurri) potranno contare nel prossimo futuro anche sull’apporto di un grande professionista della medicina come George Benaim che è stato designato come nuovo medico della Nazionale: un altro aspetto importante da curare per continuare il percorso di crescita del movimento della Lega Italiana Rugby Football League.